Rischio idrogeologico: lavori per 100mila euro in zona Baorche

Rischio idrogeologico: lavori per 100mila euro in zona Baorche

 

L’amministrazione comunale limanese, guidata da Milena De Zanet, delibera lavori per 100mila euro in zona Baorche: lo scopo? Ridurre il rischio idrogeologico e idraulico, attraverso nuove caditoie, cordonate, scarichi delle acque e asfalti. L’opera è legata ai fondi post-Vaia e segue altri lavori terminati la scorsa settimana relativi a un intervento di oltre 120mila euro a Canè e Triches. La progettazione è stata curata dallo Studio Api di Pedavena mentre l’esecuzione è affidata all’Unione montana Valbelluna. «La zona di Baorche è una di quelle colpite con maggiore frequenza e intensità allorquando si verificano precipitazioni abbondanti – commenta la sindaca De Zanet -. Anche a novembre del 2020, ad agosto di quest’anno e in altre occasioni abbiamo registrato gli allagamenti delle abitazioni e della sede stradale, resa talvolta impercorribile».

Di qui l’urgenza di intervenire che ha spinto l’amministrazione a chiedere subito un contributo per mitigare il rischio di nuovi allagamenti: richiesta inizialmente respinta ma poi accettata la scorsa primavera che ha permesso l’avvio dell’iter burocratico.

Il progetto è diviso in due stralci: «Il tratto di strada oggetto di intervento – prosegue la sindaca – è quello che si sviluppa per circa 120 metri a monte dell’incrocio tra via Riva Scura e via Malves». Lungo la strada comunale è presente una condotta che spesso va in sofferenza durante le piogge. L’intervento prevede in primis la sostituzione di un pozzetto esistente all’inizio della condotta di allontanamento delle acque. Sul margine destro della strada, è prevista la posa di una nuova condotta per una lunghezza di oltre 100 metri con la contestuale posa di diversi pozzetti in calcestruzzo. Per convogliare all’interno della condotta le acque meteoriche, verrà realizzata sul bordo una cunetta alla francese e saranno posate altre nuove caditoie collegate ai pozzetti di progetto. La condotta andrà quindi a collegarsi e scaricare le acque a un pozzetto nei pressi dell’incrocio con via Malves. Una volta che i terreni interessati da scavi si saranno assestati, l’intervento verrà ultimato con il rifacimento della pavimentazione stradale.

«Nel secondo stralcio, sarà interessato il tratto di strada a valle dell’incrocio tra via Riva Scura e Malves fino al ponte sul torrente Baorche. Anche in questo caso si procederà col potenziamento della rete di smaltimento delle acque meteoriche esistenti, con la realizzazione di nuovi manufatti di captazione e i collegamenti di tali opere alla rete di smaltimento esistente. Questo secondo stralcio dei lavori è per ora finanziato con risorse proprie dell’ente, ma ci siamo già attivati per reperire ulteriori contributi».

Per consentire lo svolgimento dei lavori, via Riva Scura rimarrà chiusa al traffico dall’1 al 18 dicembre, dal lunedì al venerdì dalle ore 7 alle ore 16

«In due anni, con i soli fondi post-Vaia – conclude Milena De Zanet – abbiamo messo in sicurezza la frana di Cros (15mila euro), consolidato il fondo stradale della strada silvo-pastorale Troi dei Cavai (60mila euro) e sistemato l’area di Canè e Triches (120mila euro). E sono già pronti i progetti degli interventi in località Ceresera (200mila euro) a conferma che i lavori di mitigazione del rischio idraulico e geologico sono una delle priorità della nostra amministrazione».

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su