Regole inosservate: i laghetti della Rimonta traboccano di visitatori

 

Pienone di visitatori nei siti naturalistici di Borgo Valbelluna. Nonostante la pandemia. E una delibera comunale, firmata dal sindaco Stefano Cesa, vietasse l'accesso al pubblico ai laghetti della Rimonta, Brent dell'Art e Grotta Azzurra.

L'allarme è stato lanciato direttamente dalla pagina Facebook "I laghetti della Rimonta", dove si sottolinea la totale inosservanza delle regole in vigore: «Purtroppo, come era prevedibile, l'ordinanza anti-Covid di chiusura dell'area è stata completamente disattesa, già dal primo mattino lo spazio sotto il ponte della circonvallazione era pieno di auto. Infatti numerose sono state le testimonianze dei fruitori frazionali autorizzati che sottolineano la presenza di troppe persone, nonostante l'ordinanza di chiusura. E la situazione era identica anche la settimana scorsa: per il bene di tutti, sarebbe il caso che qualcuno facesse rispettare queste ordinanze».

Con ogni probabilità anche le altre aree verdi comunali soggette a tale restrizione hanno visto il consueto afflusso di visitatori: «In questa fase così delicata auspichiamo al rispetto delle regole e nel buon senso delle persone - afferma il sindaco Cesa -. Alla luce di quanto accaduto lo scorso weekend, attendiamo quanto emergerà dalle disposizioni del presidente della Regione e valuteremo le azioni da porre in essere». 

Alex De Boni

 

Il Parco Lotto di Trichiana è pronto a sbocciare: si cerca un gestore

 

Aperto il bando per la gestione pluriennale del Parco Lotto di Trichiana. L'amministrazione di Borgo Valbelluna cerca un gestore che dal 1. gennaio 2021 prenda in mano il noto sito ricreativo-sportivo: per quanto? Dodici anni. 

Tra le richieste, spicca l’apertura obbligatoria degli impianti sportivi per almeno 300 giorni all’anno con indicati delle fasce minime durante la stagione estiva e quella invernale; l’apertura obbligatoria del punto di ristoro-bar; la remunerazione del servizio dagli incassi delle tariffe. Sono stati poi indicati gli investimenti che il Comune intende attuare nel breve-medio periodo, come la sostituzione di alcune attrezzature dell’area giochi per bambini, la sistemazione della pavimentazione e dei camminamenti. la realizzazione della copertura del secondo campo da tennis-calcetto con tecnostruttura, la realizzazione della pista di bike-cross. «Questo bando è l’ultima tappa di un percorso avviato da tempo e nel quale il Comune di Borgo Valbelluna ha creduto e investito molto - afferma Lillo Trinceri, assessore al Patrimonio -. L’obiettivo è quello di dare una gestione continuativa al Parco Lotto, sia come punto di riferimento per le attività sportive in Valbelluna, sia come luogo di aggregazione sociale per la comunità trichianese». 

Una svolta importante e forse decisiva per un’area che ha visto alternarsi diversi attori negli ultimi tempi: «Abbiamo scelto una durata lunga perché solo una gestione duratura può permettersi di fare investimenti nel lungo periodo». L’amministrazione farà la sua parte con 350mila euro di interventi tra cui una nuova tensostruttura polisportiva, il rinnovo dei giochi nell’area adibita, la sistemazione di muretti e camminamenti e opere di manutenzione straordinaria. «Al futuro gestore è richiesta la comprovata esperienza di gestione di impianti sportivi, affiancata a proposte di miglioramento dell’area e proposte di gestione, con una varia offerta di attività sportive - prosegue Trinceri -. Un altro impegno che chiediamo a chi si prenderà in carico la gestione del parco è la creazione di sinergie con le associazioni e la comunità». 

L’obiettivo è che il Parco Lotto torni a essere attrattivo come luogo di aggregazione sociale per i trichianesi e più in generale per tutta la Valbelluna, anche alla luce dei tempi che stiamo vivendo e della nuova centralità che i grandi spazi aperti tornano a rivestire.

ADB

 

Prende forma la pista d’atletica a Mel: investimento da 650mila euro

 

Ultimi giorni di lavori e Borgo Valbelluna avrà a disposizione una pista di atletica completata e rinnovata, pressi gli impianti sportivi in località “La Lora” a Mel.

Proprio in queste settimane, infatti, si è completata la posa del manto in tartan, lungo l’intero sviluppo della pista. In seguito si è proceduto alla colorazione del tappeto sintetico. Ad oggi mancano solo il tracciamento delle corsie, la ritinteggiatura delle parti in tartan realizzate durante il primo stralcio e la realizzazione della gabbia per le discipline sportive di lancio. 

Inoltre è stato completato il cablaggio dell’impianto d’illuminazione delle quattro torri faro, da 25 metri di altezza: in questo modo si potranno svolgere regolarmente le partite di calcio in notturna, mentre già da tempo si sono conclusi i lavori per il nuovi impianto di irrigazione del manto erboso.

Il costo complessivo dell’opera di completamento ammonta a 650mila euro: fondamentale il mutuo a tasso zero del Credito sportivo. Prossimamente, l’amministrazione comunale sarà chiamata a decidere se e come impiegare le eventuali economie derivanti dalla realizzazione delle opere, sempre con interventi di carattere strutturale nell’ambito dell’impiantistica sportiva.

«Il Comune di Borgo Valbelluna, fin dalla sua costituzione - dichiara la consigliera con delega allo Sport, Rosanna Bortolini - si è subito prodigato per migliorare la qualità, la sicurezza e l’accessibilità dei suoi impianti sportivi, per rispondere alla nomea di freschezza e frizzantezza del nuovo Comune e per mettere a disposizione della popolazione adeguate dotazioni sociali ed infrastrutturali. Oltre a questo importante intervento, mi piace ricordare l’impegno in altri investimenti come la tensostruttura presente del Parco lotto di Trichiana, sostituita dopo che gli eventi atmosferici di Vaia che ne avevano compromesso la sicurezza; tutti gli investimenti già programmati per il prossimo anno nella stessa area. E per finire c’è la volontà, qualora finanziato dal bando Sport e Periferie 2020, di realizzare il manto sintetico al campo sportivo di Lentiai».

Alex De Boni

 

È partito il doposcuola: fino a giugno i ragazzi delle medie saranno seguiti anche il pomeriggio

Ha preso il via ufficialmente il progetto doposcuola. È rivolto a tutte le famiglie, in particolare al sostegno allo studio di ragazzi delle medie che hanno bisogno di un supporto e di un accompagnamento (Bes - bisogni educativi speciali, e Dsa - disturbi specifici dell’apprendimento). Il tutto promosso dall’amministrazione di Borgo Valbelluna con la collaborazione del Comune di Feltre e grazie a un contributo della Fondazione Cariverona.

«Siamo soddisfatti di essere riusciti a partire con questo importante progetto a sostegno delle famiglie dell’intero territorio comunale, ma soprattutto a supporto dell’educazione dei ragazzi, nonostante la situazione epidemiologica in divenire - afferma l’assessore Marilisa Corso -. L’istituto comprensivo di Mel ha messo a disposizione i locali per lo svolgimento delle attività, ma soprattutto ci ha aiutato a individuare i mezzi più idonei per arrivare all’attenzione delle famiglie che più necessitano di questo specifico servizio. I doposcuola sono iniziati questa settimana, ma mi preme segnalare che sono ancora disponibili alcuni posti, a beneficio delle famiglie che hanno difficoltà nel seguire i compiti pomeridiani dei propri figli». 

Gli obiettivi del doposcuola sono semplici: dal raggiungimento dell’autonomia nell’apprendimento e nello studio, alla promozione delle capacità personali e di socializzazione, oltre ovviamente all’integrazione tra studenti, al sostegno e allo sviluppo dell’autostima. Il progetto ha il supporto di figure professionali specificamente preparate in sviluppo dell’apprendimento ed è organizzato per piccoli gruppi con un rapporto di un docente per tre studenti. 

«Il doposcuola si svolgerà durante tutto l’anno scolastico, per concludersi a giugno 2022 - spiega il sindaco, Stefano Cesa -. Oltre al contributo della Fondazione Cariverona, l’amministrazione comunale partecipa con un cofinanziamento di 7.500 euro».

Alex De Boni

 

Municipi, biblioteche, musei: didattica a distanza negli spazi comunali

 

Spazi comunali attrezzati per gli studenti che devono svolgere la didattica a distanza. L’amministrazione comunale di Borgo Valbelluna, guidata da Stefano Cesa, si dimostra sensibile alle problematiche legate ai ragazzi che, a causa delle normative legate al covid-19, sono costretti a svolgere le lezioni da casa. 

In sinergia con gruppi di volontariato locali come ad esempio l’Auser di Lentiai e con la collaborazione del Gal Prealpi Dolomiti (Gruppo Azione Locale), sono stati predisposti degli spazi appositi. La proposta è rivolta a chi ha difficoltà a seguire la didattica a distanza o le lezioni universitarie dalla propria abitazione. Gli spazi potranno essere ricavati nelle biblioteche, nel museo e palazzo delle Contesse, nei due municipi di Lentiai e Trichiana, nelle sedi delle associazioni. Coloro che avessero la necessità di usufruire di questo servizio, sono pregati di segnalarlo indicando anche le motivazioni della richiesta. In base alle richieste, verranno allestiti gli spazi che saranno successivamente comunicati ai richiedenti. Di seguito il link per l’accesso al modulo di richiesta: https://forms.gle/udEcePcx6TBhpk118

L'ufficio di riferimento è quello scolastico, la cui sede è nel municipio di Trichiana (0437-544282). Per ulteriori richieste, inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In un periodo particolarmente complicato per il mondo scolastico, l’iniziativa intrapresa dall’amministrazione Cesa potrebbe essere riproposta anche da altri Comuni della provincia.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019