«La mia Drl, una squadra dilettantistica che vive il volley con professionalità»

«La mia Drl, una squadra dilettantistica che vive il volley con professionalità»

 

«Totalizzare 23 punti nella prima metà di campionato? Se me lo avessero detto a inizio stagione avrei strafirmato». Parole e musica di Diego Poletto, il tecnico di una Da Rold Logistics Belluno che, pur essendo neopromossa, sta interpretando al meglio un torneo di respiro nazionale come quello di serie B: ora è settima, a +9 sulla zona rossa.

Coach, qual è la chiave di questo avvio così brillante?
«I fattori sono molteplici. A cominciare dall’entusiasmo degli atleti, desiderosi di confrontarsi con una nuova dimensione. In tal senso, la componente mentale è importantissima. E l’esperienza vale quanto la capacità di stringere i denti».

Il 3-0 stampato al Trebaseleghe è il vostro capolavoro?
«Sì, ma non è l’unico. Anche contro il Massanzago la prova è stata sopra le righe. Qui a Belluno si lavora davvero bene, in un ambiente accogliente, aperto al dialogo e al confronto. Merito di una società positiva e propositiva, che vuole crescere senza esagerare e sta investendo nella giusta direzione: alleno da anni in B e vedo formazioni quotate che giocano in palazzetti deserti, di fronte a dieci persone. “Morose” comprese».

Il De Mas, invece, è un catino bollente.
«Appunto, il pubblico è il valore aggiunto di Belluno: questo entusiasmo va coltivato, è un bene prezioso».

Se dovesse definire la sua Drl?
«Un gruppo estremamente coeso, molto serio, in cui i ragazzi si divertono e vogliono dimostrare che in B ci possono stare. Guido una squadra dilettantistica che si comporta in maniera professionale. Il mio compito? Un buon tecnico deve sempre capire le esigenze di chi si trova di fronte. E, a quel punto, alza l’asticella a seconda delle possibilità del collettivo».

Sabato (ore 18) affronterete l’Aduna, ultima in graduatoria: vittoria d’obbligo?
«Ogni partita fa storia a sé. In generale, ho capito che nella pallavolo di oggi gli interpreti sono più legati a situazioni mentali ed emotive, che non alla sfera tecnica. Quindi serve attenzione: la gara di sabato rappresenta  un’opportunità di muovere la classifica, visto che abbiamo ottenuto 3 punti nelle ultime 5 partite».

Quanto manca alla salvezza?
«La quota è attorno ai 34 punti, non siamo lontani. Giochiamo tranquilli? Sì, ma non rilassati».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su