Il Giesse Sedico è irresistibile. Trichiana piegato, ma combattivo

Il Giesse Sedico è irresistibile. Trichiana piegato, ma combattivo

SEDICO-MIRANESE 3-0
PARZIALI: 25-10, 25-13, 25-13. 
GIESSE SEDICO: Scopel 1, Fagro 10, Del Din 14, Zago 6, De Barba 10, Barp 4; De Biasio (L), Olivier 2, Gardelliano 1, Corte 2, Lotto, Ruzza, Deon (L). Allenatore: G. De Salvador. 
MIRANESE: Pellizzon, Peres, Zennaro (L), Costantini, Bosa 4, Di Luzio 5, Girardo 3, A. Giacomello, Esposito 10, M. Giacomello 1, Malovic 3, Vianello. Allenatore: M. Zulian. 
NOTE. Sedico: battute sbagliate 5, vincenti 11.

Non è una squadra: è un tornado. Il Giesse Sedico spazza via la Miranese e, in poco più di un’oretta di volley a senso unico, mette l’impronta sull’ottavo successo stagionale. Un successo che permette al collettivo di Giorgio De Salvador di blindare la seconda piazza e rimanere all’inseguimento della Pallavolo Feltre. 
Sul match andato in scena al palasport di Ricolt, c’è ben poco da aggiungere: prendendo in prestito una metafora dal mondo del pugilato, è come se un peso massimo avesse affrontato un peso piuma. Troppo ampia, infatti, la differenza di potenziale tra le due compagini. Il Giesse ha avuto vita facile fin dalle prime battute e coach Josh ha potuto pescare a piene mani dalla panchina. 
Ogni elemento si è espresso su standard elevati. Ma una citazione a parte la merita una Asia Del Din devastante al servizio: ben 7 i suoi ace, mentre il fatturato complessivo è di 14 punti. In tema di ace, ha voce in capitolo pure Chiara Fagro, autrice di 4 battute vincenti. 

 

TRICHIANA-FUSION TEAM 0-3
PARZIALI: 18-25, 15-25, 22-25. 
CI.A.GI COMPRESSORI TRICHIANA: Canova 4, Sponga, Biz 4, Bianchet, Dall’Asen, Tamburlin 2, De Paoli 5, Cavallet, Sacchet 8, Gelso, Costa 5, Scarton (L). Allenatore: A. Bassanello. 
Seconda sconfitta consecutiva per il Ci.A.Gi Compressori Trichiana. Ma non è certo contro il Giesse Sedico (nel derby della settimana scorsa), né con un avversario di alto profilo come il Fusion, che le biancoblù devono costruire il loro cammino salvezza. Gli scontri diretti arriveranno, nel frattempo il fieno già messo in cascina consente alle ragazze di Bassanello di trascorrere il Natale in zona tranquillità: «Abbiamo affrontato una bella squadra, giovane, combattiva e capace di esprimere un’ottima pallavolo – è l’analisi del presidente Stefano Cavalet -. Anche se, a dir la verità, avremmo potuto fare meglio: ci sono mancati gli elementi cardine». 
La pausa, forse, arriva al momento giusto: «Siamo molto soddisfatti di quanto prodotto finora. A inizio campionato, tutti ci dipingevano come la Cenerentola del girone, sembrava non dovessimo totalizzare nemmeno 1 punto. E invece siamo lì a giocarcela, in una posizione di classifica che ci deve riempire d’orgoglio». Cavalet ha già un chiodo fisso in testa: «La prima gara del 2020 sarà a Mirano. Vincere è obbligatorio. E per centrare l’obiettivo stagionale, servono spirito di sacrificio e voglia di imparare cose nuove». 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su