Feltre rimane in vetta, ma Sedico non molla. E Trichiana ritrova il successo

Feltre rimane in vetta, ma Sedico non molla. E Trichiana ritrova il successo

FELTRE-MORIAGO 3-1 

PARZIALI: 25-20, 25-18, 18-25, 25-19. 

CASSA RURALE DOLOMITI FELTRE: Faoro 2, Zannin 20, Schiavo 9, Schenal 16, Marcon 4, Orsingher 9; Natalone (L), Decet (L), Dal Farra 1, Merz 1. N.e. Bugana, Turrin, Loss. Allenatore: G. Carpene. 

NOTE. Feltre: battute sbagliate 11, errori 14.

Una splendida partita di volley in un ambiente caldo e coinvolgente, fra cori, tamburi e incitamenti. La palestra Luzzo, piena in ogni ordine di posto, ha fatto da teatro a una serata indimenticabile per la pallavolo feltrina: non solo perché il risultato finale ha sorriso proprio alle ragazze di Giulio Carpene, ma anche per l’intensità e le emozioni emerse in quattro set al cardiopalma. Grazie ai tre punti conquistati di fronte all’ottimo Vidor, allenato dall’ex Scanduizzi, la Cassa Rurale Dolomiti mantiene la vetta della graduatoria. E si regala un ulteriore pieno di fiducia. 

Le padrone di casa partono al meglio e conquistano l’atto iniziale (25-20), mentre nel secondo set l’equilibrio dura fino al 18-18: a quel punto, un clamoroso filotto feltrino, concluso da un attacco di Orsingher, manda in estasi la Luzzo. Ma la formazione trevigiana reagisce nel terzo round. Ed è allora che salgono in cattedra Zannin e Schenal, protagoniste di un epilogo da applausi. Come da applausi è la prova complessiva del Feltre. 

 

SEDICO-BELVEDERE 3-1

PARZIALI: 25-12, 25-22, 14-25, 25-14.

GIESSE SEDICO: Scopel 3, Fagro 4, Del Din 10, Zago 6, De Barba 13, Barp 9, Zallot (L), De Biasio (L), Olivier 4, Gardelliano 2, Lotto 1, Buzzatti 3, Corte. Allenatore: G. De Salvador.

NOTE. Sedico: battute sbagliate 6, vincenti 3.

Otto gare casalinghe, otto trionfi: davanti al pubblico amico, il Giesse Sedico non conosce ostacoli. E anche il Belvedere deve inchinarsi allo strapotere di Scopel e compagne. L’avvio è eccellente, mentre nel secondo round si registra un piccolo calo di tensione, tanto che coach De Salvador pesca a piene mani dalla panchina. Si arriva così sul 21-21, ma il finale di set è tutto delle padrone di casa. Al cambio di campo, il Belvedere rialza la testa: sfida riaperta? Non proprio, perché il Giesse riprende prepotentemente in mano le redini dell’incontro e non le lascia più. Nel complesso, ogni singolo elemento ha contribuito a condurre in porto il bottino pieno: anche chi, di solito, trova meno spazio sul parquet.

 

TRICHIANA-BASSANO 3-1

PARZIALI: 22-25, 28-26, 25-2, 25-12

CI.A.GI COMPRESSORI TRICHIANA: Canova 7, Biz 15, De Paoli 7, Sacchet 15, Gelso 5, Costa 11, Bianchet (L), Scarton (L). Allenatore: Chiruzzi.

Tre punti preziosissimi nello scontro diretto: le ragazze del Ci.A.Gi Compressori Trichiana imboccano a tutta velocità il cammino che porta alla salvezza. E superano in rimonta il Bassano, ultimo della classe. In avvio, la tensione si taglia a fette e le trichianesi, troppo contratte, si fanno sorprendere dalle avversarie. Ma dal secondo parziale la musica cambia radicalmente: con orgoglio e determinazione, le biancoblù risalgono la corrente. Sono soprattutto Sacchet e Biz, 30 punti in tandem, a indicare la via con una prova maiuscola.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su