De Carlo e Svaluto Ferro in coro: «Vincoli? Chi li difende, condanna il territorio»

De Carlo e Svaluto Ferro in coro: «Vincoli? Chi li difende, condanna il territorio»

 

«Chi difende i vincoli, condanna il territorio. La lotta contra i vincoli è unitaria e trasversale per consentire a chi oggi vive in montagna di continuare a restarci». Ad affermarlo sono il deputato di Fratelli d’Italia e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo, e il primo cittadino di Perarolo di Cadore, Pierluigi Svaluto Ferro.

«L’imposizione dei vincoli è la pietra tombale sul futuro prossimo del Comelico e dei suoi abitanti – commenta De Carlo -. Pensare di contrastare lo spopolamento senza possibilità di investimenti e di sviluppo è impossibile; qualche burocrate in un ufficio romano ha deciso che tutto deve restare così come è: quali azioni si potranno mai fare, a parte guardare i boschi allargarsi e i paesi sparire? Lo spopolamento è l’effetto dell’assenza di politiche per la montagna, e la situazione non potrà che peggiorare con questa imposizione che impedirà lo sviluppo di qualunque servizio».
De Carlo allarga il raggio di pensiero: «Fratelli d’Italia si sta facendo portavoce di un’intera area che chiede di poter sopravvivere. Lo scorso giugno, c’era tutto l’arco costituzionale in corteo per difendere il collegamento sciistico».

Svaluto Ferro rilancia poi la proposta di uscita della Provincia di Belluno dalla Fondazione Dolomiti Unesco: «A cosa serve tutelare il paesaggio se non si difende chi lo vive, lo cura, lo mantiene in ordine, pulito e sicuro? A chi giova un parco gioco selvaggio per i turisti, che nel giro di qualche anno lo abbandoneranno perchè non curato e pericoloso? Noi stiamo con i montanari, gente che la montagna la vive ogni giorno, con il sole, con la neve e con la pioggia, e non con chi viene solo nel weekend per sciare e per farsi una passeggiata al fresco dell’estate o ammira le sue bellezze su una foto».

«L’ambiente resta una delle nostre priorità, la principale – fa eco De Carlo – ma per noi ambiente vuol dire cura, vuol dire natura e uomo che vivono insieme nel reciproco rispetto. Non possiamo togliere la persona dall’ambiente; se lo si fa, perdono tutti: il paesaggio perde il suo ordine e la sua bellezza che si volevano tutelare, e gli uomini perdono il loro diritto a vivere a casa propria». 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su