Collegamento Comelico-Pusteria: via alla raccolta firme

Collegamento Comelico-Pusteria: via alla raccolta firme

Parte la raccolta firme, promossa dal comitato “Sì al collegamento Val Comelico-Val Pusteria”, contro i vincoli imposti sul territorio. E in prima fila c’è anche il deputato di Fratelli d’Italia e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo: «Ho partecipato con grande interesse all’incontro organizzato sabato a Comelico Superiore, e ringrazio per l’impegno il comitato. Con la mia firma, ho solo voluto ribadire quanto sostengo da tempo: la mia totale disponibilità, nonostante il ruolo di minoranza in Parlamento, a sostenere questa battaglia. E con me è a disposizione tutta Fratelli d’Italia, oltre ai cittadini che rappresento». 

UNIONE TOTALE
A tale proposito, De Carlo annuncia che, nella seduta del consiglio comunale di Calalzo convocata per lunedì 30, sarà approvata una delibera a sostegno dei comuni colpiti dai vincoli ministeriali: «Dai sindaci ai parlamentari, serve unione totale. La politica si riappropri della sua funzione decisionale, e non diventi succube di qualche tecnico. Faccio a tutti un appello: questa battaglia non sia del solo Comelico, ma dell’intera provincia di Belluno, che deve farsi sentire contro la prepotenza dei funzionari e la complicità del ministro». 

INDIANI E LUNA PARK
Per il deputato bellunese resta centrale la necessità di far scegliere il destino della montagna a chi la vive: «È ormai chiaro che questi vincoli sono una vendetta nei confronti di chi ha osato alzare la testa. Il messaggio da dare è uno solo: noi non ci piegheremo, vogliamo battere questa visione oscurantista e l’esproprio della libertà di scelta subìto dalle popolazioni. Qualcuno ha una visione del mondo anacronistica, con la montagna vista solo come un luna park o una riserva indiana: bene, sappia che gli indiani venderanno cara la pelle. Io e FdI continueremo a batterci: lo abbiamo fatto con le iniziative di piazza, basti pensare alla manifestazione di giugno o al flash mob a Longarone due settimane fa, e tramite le vie istituzionali, portando la questione in Parlamento. Per portare a casa il risultato, però, dobbiamo essere tutti uniti e determinati». 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su