Obiettivo: far rientrare i cervelli in fuga, l’ultimo progetto del Fondo Welfare

Obiettivo: far rientrare i cervelli in fuga, l’ultimo progetto del Fondo Welfare

 

Biglietto di ritorno per i “cervelli in fuga”. Con possibilità concrete di lavoro e sviluppo professionale tra le Dolomiti. È l’idea del Fondo Welfare e Identità Territoriale. Un piccolo tassello nella dura lotta allo spopolamento del Bellunese. Una battaglia che può sembrare impari, vedendo i dati demografici. Ma che da oggi ha un’arma in più: Grow.

Questo il nome dello sportello virtuale in cui far incontrare i giovani bellunesi nel mondo e le esigenze delle aziende locali.

«L’obiettivo è duplice: facilitare tra i giovani la conoscenza delle occasioni che il Bellunese può offrire in ambito lavorativo e formativo; e mettere le imprese del territorio in contatto con professionalità di rilievo che hanno acquisito competenze in nuovi contesti e che possono portare la propria esperienza al servizio del mondo economico-produttivo locale – spiega Marco Crepaz, direttore di Bellunesi nel Mondo, partner del Fondo Welfare -. L’effetto è quello di incentivare il rientro di quei talenti emigrati che vorrebbero avere l’occasione di tornare».

Grow è una una piattaforma online che funge da punto di incontro. Lo sportello si sviluppa da una base già consolidata: Bellunoradici.net, il social network con oltre 1.000 iscritti in 68 Paesi, che mette in rete i bellunesi in Italia e nel mondo.

«Questo progetto ha l’obiettivo di far rientrare i giovani bellunesi dando loro possibilità professionali simili a quelle che possono trovare all’estero; ma intende anche diventare un’occasione di scambio e formazione continua tra le nuove generazioni che vivono a Belluno con i loro coetanei all’estero – commenta Francesca De Biasi, presidente del Fondo Welfare -. Raccogliere questi ragazzi significa aver più probabilità di attirare famiglie disposte a rimanere, perché legate al territorio d’origine e ai rapporti famigliari».

L’impegno economico previsto per la realizzazione di questo progetto (promosso da Abm, Provincia, Confindustria, Confcommercio e sindacati per il Fondo Welfare) è di 20mila euro.

«Il nostro sogno di comunità di costruire progetti per contrastare lo spopolamento attraverso il Fondo Welfare diventa realtà – aggiunge Rudy Roffarè, segretario Cisl -. Ci teniamo particolarmente a mettere in contatto i nostri giovani con le aziende bellunesi. Siamo convinti che dare opportunità ai nostri ragazzi diventi occasione per ritornare nel nostro territorio, ma anche la possibilità di portare nuove competenze, nuove idee ed esperienze di vita che possono arricchire società ed economia».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
Abm
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su