Sardine tra le Dolomiti: nasce il movimento anti-populismo

Sardine tra le Dolomiti: nasce il movimento anti-populismo

Faranno discutere. Certamente. Come è certo che l’onda lunga dell’Emilia Romagna è arrivata fino a Belluno. Anzi, ha nuotato fino a Belluno. Perché da ieri le “sardine” stanno di casa anche tra le Dolomiti. Non i pesci. Bensì i militanti del movimento che si contrappone a Matteo Salvini.

POTERE DEI SOCIAL Sono bastate poche ore e una nuova pagina Facebook per totalizzare quasi centinaia di “sarde” bellunesi. Allo scoccare della mezzanotte erano quasi mille i profili che si sono associati alla pagina “Sardine per Belluno”. Personaggi politici locali, amministratori comunali, giovani e non. Con tanto di decalogo per illustrare l’obiettivo fondamentale della “sardina”: contrastare il populismo; via social.

INCLUSIVITÀ Tra gli strumenti di riferimento del nuovo movimento, anche bellunese, c’è quello del linguaggio inclusivo: no insulti, no parolacce, no violenza. «La testa viene prima della pancia – si legge al punto 3 -. O meglio, le emozioni vanno allineate al pensiero critico».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su