Pd al ministro Provenzano: «Aree interne, serve un’azione coordinata»

Pd al ministro Provenzano: «Aree interne, serve un’azione coordinata»

Tredici milioni di cittadini vivono nelle aree interne e montane del Paese, dove a crescere sono soltanto l’impoverimento del tessuto economico e sociale e lo spopolamento. E il Partito democratico, con Roger De Menech in testa, interroga il ministro per la coesione territoriale Provenzano durante il Question Time.

Secondo il Pd, è necessario garantire di più e meglio i servizi alle persone, assicurandone il diritto alla mobilità e rafforzando le reti. La Legge di Bilancio, da poco approvata, ha inserito risorse ingenti per le aree interne. E oltre al potenziamento del fondo per 200 milioni di euro, con un emendamento dei relatori, ha stanziato 30 milioni l’anno per tre anni a favore del commercio e dell’artigianato in più di mille comuni delle 72 aree interne italiane.

«Ora serve un’azione coordinata – afferma De Menech – Queste zone rimangono sul crinale tra la modernizzazione del Paese e una regressione che, se non viene contrastata, sarà irreversibile. Ma la perdita di competitività sarà per l’intero Paese. Dobbiamo raggiungere tre obiettivi: accelerare l’utilizzo delle risorse disponibili; rendere strutturali queste politiche anche attraverso uno specifico Fondo europeo per gli anni 2021-2027; mettere a sistema le norme esistenti, come la legge sui piccoli comuni».

In Veneto le aree interne sono state individuate nel Comelico e Agordino in provincia di Belluno, nell’Altopiano di Asiago in provincia di Vicenza e nella Lessinia in provincia di Verona.

Positiva anche l’impostazione all’argomento data dal ministro Provenzano, sottolinea De Menech: «Finita l’attuale fase di sperimentazione, per il futuro sta maturando l’idea di allargare le aree interne a tutte le zone omogenee il che significa che le previsioni e i benefici potranno essere estesi alle aree contermini che presentano le medesime caratteristiche».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su