Merano espugnata: impresa della Giorik e primo posto a sole 4 lunghezze

Merano espugnata: impresa della Giorik e primo posto a sole 4 lunghezze

 

BUBI MERANO-GIORIK SEDICO 2-4

GOL: pt 0’13’’ Ouddach, 1’19’’ Vitinho, 14’38’’ Mair (tiro libero), 15’55’’ Dos Santos; st 5’46’’ Storti, 19’26’’ Storti.

BUBI MERANO: Romanato, Ouddach, Mair, Manzoni, Donoshita, Beregula, Trunzo, Divjacev, Altenhofen, Moretti, Akkari, Ninz. Allenatore: Giuseppe Saiani. 

GIORIK SEDICO: Battistuzzi, Fenti, Mazzucco, De Boni, Storti, Brancher, Pitondo, Dos Santos, Bottega, Vitinho, Rossetto, Kovacevic. Allenatore: Gabriele De Francesch. 

ARBITRI: Anzisi di Mantova, Lodi di Crema (crono: Saggese di Rovereto).

NOTE. Ammoniti: Ouddach, Mair, Dos Santos. Espulsi: al 12’35’’ st Dos Santos; al 18’24’’ Ouddach. Falli: pt 2-6; st 4-2.

In trincea, come un secolo fa. Senza però la disfatta di Caporetto. Perché da Merano la Giorik Sedico torna con un successo tanto prestigioso quanto importante. Il Bubi non è l’ex impero austroungarico, ma è imperiale la sua cavalcata verso la serie A2. Almeno fino a oggi, visto che la squadra di De Francesch riesce nell’impresa di rifilare la seconda sconfitta della stagione agli altoatesini, la prima in Sudtirol. Merito di un secondo tempo giocato in trincea, con il coltello tra i denti. Di Steve Battistuzzi, che blinda la porta. Di Storti, eroico in alcune chiusure, quando c’è n’è bisogno; e fondamentale nel siglare il gol sicurezza a una manciata di minuti dalla sirena finale. 

LA CRONACA

L’avvio è shock. Doccia fredda, gelata. Il Bubi passa dopo appena 13 secondi, quasi a dire “siamo ancora noi i primi della classe”. Guerra lampo e vittoria assicurata? Neanche un po’. Perché Vitinho trova il pari quasi immediato. E rimette tutto in discussione.

L’equilibrio regge fino a 5’ dal termine, quando Mair va sul dischetto e fredda Battistuzzi: Merano di nuovo avanti. Ma anche stavolta il Sedico non si scompone e si rimette in carreggiata con Dos Santos. Anzi, in avvio di ripresa i bellunesi mettono addirittura il muso avanti, con un gran contropiede finalizzato da Storti.

Rischia di andare storta, invece, poco dopo, quando Dos Santos si vede sventolare il secondo giallo. In inferiorità numerica la Giorik si mostra eroica e difende il fortino con le unghie e con i denti. Non passa lo straniero. Passa di nuovo Storti, invece. Ed è tripudio Sedico, in vista del debyssimo di sabato prossimo.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su