La sostenibilità della montagna nella valorizzazione del patrimonio boschivo

La sostenibilità della montagna nella valorizzazione del patrimonio boschivo

Il valore aggiunto della montagna rispetto alla pianura è l’ecosistema boschivo che mette a disposizione di tutti. E proprio il patrimonio di piante torna protagonista ad Agrimont, la fiera nazionale dell’agricoltura “in pendenza” in programma a Longarone Fiere Dolomiti nei weekend 16-17 e 22-23-24 marzo. All’interno della rassegna, infatti, andrà in scena “Fiera & Festival delle Foreste”, spazio dedicato appositamente al tema forestale, con una serie di approfondimenti sulla valorizzazione del patrimonio boschivo e sulla sostenibilità della montagna quale erogatrice di servizi ecosistemici.

LIFE VAIA

Parlando di foreste, diventa impossibile non tornare sulla tempesta che a fine ottobre 2018 ha distrutto buona parte del patrimonio verde della montagna bellunese (toccando anche Trentino, Trevigiano e Altopiano di Asiago). Proprio partendo dalla distruzione è nato il progetto Life Vaia (Valuing Afforestation of damaged woods with Innovative Agroforestry) con l’obiettivo di recuperare le superfici boschive e aumentare la resilienza ecologica, economica e sociale degli ecosistemi forestali danneggiati da eventi climatici estremi.

Life Vaia, presente in fiera con uno stand, mira a sviluppare un approccio innovativo che si basa sull’applicazione di misure agroforestali “temporanee” (15/20 anni). Questa strategia consente di investire nella produzione di prodotti sostenibili e a basso impatto, aumentando la biodiversità e l’uso sostenibile delle risorse. 

Veneto Agricoltura ne parlerà sabato (16 marzo) alle 14.30, in Area Incontri. Sarà un approfondimento che toccherà il tema del cambiamento climatico, la necessità di conservazione degli habitat, le innovazioni tecnologiche, e le tecniche di agro-forestazione per transitare a un modello di sostenibilità ambientale.

MANUTENZIONE DEL TERRITORIO

Il tema foreste diventerà occasione anche per approfondire la manutenzione del territorio, conseguenza diretta delle corrette pratiche agricole e agro-forestali. Sempre Veneto Agricoltura presenterà un focus sulla gestione forestale sostenibile e in particolare sulla foresta del Cansiglio, la prima a ottenere (nel 2021) la certificazione per la tutela della biodiversità grazie alla individuazione di indicatori e di requisiti richiesti dallo standard di certificazione PEFC (convegno sabato 23 marzo alle 14, Area Incontri).

Inoltre, spazio alla sicurezza e alla giusta conoscenza dell’attrezzatura e delle buone pratiche di manutenzione: sabato 16 e sabato 23 (dalle 9.30 alle 12) nello stand Casa Veneto saranno proposti corsi di motosega e di taglio. 

Da sottolineare anche l’attività dell’Istituto agrario di Vellai che nell’area nord della fiera animerà il primo fine settimana di Agrimont con gli allenamenti per le Olimpiadi Forestali, mentre venerdì 22 e sabato 23 verrà proposta la simulazione di ribaltamento di un trattore agricolo per provare direttamente l’esperienza e apprendere comportamenti razionali che possono salvare la vita.

CREDITI DI CARBONIO

Climate change e foreste saranno protagonisti anche del convegno “Patrimonio forestale e crediti di carbonio”, a cura di Confartigianato Imprese Belluno, in programma domenica 17 marzo alle 10.45 (Area Incontri).

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2023 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno n. 4/2019
Web Agency: A3 Soluzioni Informatiche
Made by: Larin
News In Quota
Torna in alto