Isole ecologiche interrate: Piazza Martiri senza il caos dei bidoni

Isole ecologiche interrate: Piazza Martiri senza il caos dei bidoni

Ordine e disciplina nelle immondizie. Era l’obiettivo dell’amministrazione Massaro. Adesso è realtà, almeno per il cuore del centro storico. Perché si sono conclusi i lavori per le piazzole interrate in Piazza Martiri, con l’installazione delle otto nuove campane per la raccolta differenziata di vetro, plastica, lattine e carta.

«Le due isole, quella fronte Astor e quella a lato del Teatro Comunale, occupano la stessa volumetria, nonostante la diversa conformazione – piega Silvia De Zordo, ingegnere dell’ufficio tecnico di Bellunum -. Ogni singolo contenitore interrato occupa 5 metri cubi, corrispondenti a due vecchie campane stradali; i vantaggi sono quindi notevoli sia per gli operatori addetti allo svuotamento, visto che sono richiesti minori svuotamenti con conseguenti risparmi per la società e per la collettività, sia per i cittadini, che si trovano con le bocche delle calotte a un’altezza inferiore rispetto a quella della campane e quindi possono conferire con minori sforzi».

I lavori di installazione sono durati 40 giorni, da fine ottobre a metà dicembre, per un costo complessivo di quasi 120mila euro.

IL COMMENTO

«Questo sistema è una soluzione che accresce l’ordine e il decoro della nostra piazza: ci ha consentito di rimuovere i vecchi e ingombranti cassonetti, oltre a tutti i bidoni fuori dai locali, e quindi credo proprio che questa sperimentazione troverà seguito anche in altre zone della città – sottolinea il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro -. La risposta dei cittadini e dei commercianti è stata positiva, e anche i turisti hanno apprezzato questo salto di qualità della città, già nota per il suo ordine e la sua pulizia».

LE PROSSIME NOVITÀ 

Bellunum intanto pensa già al futuro. Sì, perché le isole ecologiche interrate non sono l’unica novità. «Sono solo il primo passo per migliorare ancora il sistema Bellunum – afferma Davide Lucicesare, amministratore unico dell’azienda che gestisce la raccolta rifiuti -. Il prossimo step sarà la sostituzione di una delle campane interrate per la carta con una destinata al rifiuto secco, con modalità di accesso identiche a quelle già esistenti con i nuovi cassonetti stradali; successivamente, confidiamo già il prossimo anno o al più tardi nel 2021, verrà sostituita anche un’altra campana con una per il rifiuto umido, e questo ci permetterà di togliere dalla piazza tutti i vari bidoni per la raccolta dei rifiuti».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su