I disegni dei bambini rallegrano il paese: il Comune riserva due bacheche

I disegni dei bambini rallegrano il paese: il Comune riserva due bacheche

Qualche settimana fa erano comparsi disegni colorati alle pareti dell’asilo e delle scuole elementari di Longarone. Disegni dei bambini, che avevano dipinto il loro stato d’animo in pandemia. I fogli però non potevano stare lì, lo dice il regolamento d’istituto. E così i disegni erano stati rimossi. Adesso tornano in piazza, grazie all’iniziativa del Comune.

L’amministrazione infatti ha riservato uno spazio per l’affissione dei disegni realizzati dai piccoli artisti. Anzi due. Una bacheca di fronte alla farmacia di Castellavazzo e una di fronte alla scuola primaria di Longarone, come segno di vicinanza ai bambini e alle loro famiglie. 

«Credo che ai nostri figli vada insegnato che libertà vuol dire proprio essere liberi di esprimere quel che si sente – dichiara l’assessore all’istruzione, Manola Sacchet -. Ma facendo attenzione anche all’altro. Questo ritengo sia fondamentale. I bambini devono imparare che la scuola, sì, è loro, ma che c’è comunque una persona che ne è responsabile: questo va riconosciuto e tenuto in considerazione. Libertà è riconoscere dove c’è il mio spazio e dove entra lo spazio dell’altro, imparando a venirsi incontro, nel rispetto reciproco. Noi abbiamo semplicemente cercato di rispettare sia la posizione del preside, che da regolamento ha fatto rimuovere i disegni affissi alle pareti, sia il desiderio dei bimbi, dando loro questa opportunità di esprimersi comunque, utilizzando uno spazio dedicato».

Anche i commercianti longaronesi hanno messo a disposizione le loro vetrine per l’affissione dei disegni. Le bacheche sono già disponibili e ieri sono stati affissi i primi fogli colorati.

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su