Variante di Longarone, il Comune va avanti: «Opera indispensabile, ma va fatta bene»

Variante di Longarone, il Comune va avanti: «Opera indispensabile, ma va fatta bene»

«L’attenzione sulla variante di Longarone è e rimane alta, per un’opera che riteniamo indispensabile, che deve essere fatta e fatta bene. E l’amministrazione comunale è al lavoro per apportare migliorie al progetto, tali da renderlo utile a risolvere i gravi problemi di traffico che le nostre comunità ben conoscono, ma anche sostenibile e meno impattante». È quanto afferma il sindaco di Longarone, Roberto Padrin, in merito al tema della variante della statale di Alemagna, presentata martedì scorso in assemblea pubblica dai vertici di Anas e dal Commissario straordinario Fabio Massimo Saldini (in foto).

«È giusto sgomberare il campo da qualsiasi equivoco: l’amministrazione comunale, fin da quando è emersa la possibilità che il Governo realizzasse una variante all’Alemagna, ha sostenuto l’idea progettuale di superare quello che a tutti gli effetti è uno dei punti più neri della viabilità – prosegue il sindaco -. E quando è stato avanzato il primo studio progettuale, ha presentato all’inizio della procedura – era il 23 settembre 2022 – una serie di osservazioni al progetto, che sono in linea con le richieste avanzate oggi dal comitato civico. Le osservazioni hanno raccolto i dubbi e le esigenze dei cittadini e sono concentrate in particolare su quel tratto che va dalla confluenza Piave-Maè all’area della fiera, per il quale fin da subito sono state chieste modifiche. Siamo consapevoli che la presenza del Piave condiziona progettazione e realizzazione di un’opera stradale, e anche che possono esserci alcuni ostacoli autorizzativi, ma rimaniamo convinti che una soluzione diversa, migliorativa, si debba trovare, venendo incontro alle esigenze del territorio e di gran parte dei cittadini. L’incontro partecipato di martedì sera ha testimoniato l’attenzione della comunità longaronese verso quest’opera che noi consideriamo strategica per il futuro del territorio e per il bene del nostro paese. Ringrazio il commissario che ha preso a cuore questa vicenda e sono sicuro che con Anas troveremo una soluzione percorribile, in grado di ridurre l’impatto dell’opera e di risolvere i problemi del traffico».

«La mia presenza sul territorio in meno di un mese –  la prima in un incontro con il comitato in Comune, la seconda davanti a tutta la cittadinanza in un dibattito pubblico aperto – ha voluto dimostrare, concretamente, la volontà di andare incontro alle richieste della comunità nei limiti delle disposizioni di legge e di un progetto di fattibilità tecnico-economica già approvato» ha detto il Commissario di Governo, Fabio Saldini. «Tutte le verifiche per apportare le migliore possibili sono iniziate già all’indomani dell’incontro con la cittadinanza e proseguiranno con celerità per arrivare a bandire la gara per l’appalto integrato da cui uscirà il progetto definitivo. Il dialogo con il Comune e il sindaco di Longarone è costante, ed è già in calendario un sopralluogo nelle prossime settimane, a testimonianza dell’impegno fattivo e collaborativo rispetto alle richieste della comunità».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2023 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Belluno n. 4/2019
Web Agency: A3 Soluzioni Informatiche
Made by: Larin
News In Quota
Torna in alto