Piscina di Belluno, il servizio funziona? Parola ai cittadini

Piscina di Belluno, il servizio funziona? Parola ai cittadini

Da domani (venerdì 10 gennaio), alla piscina di Belluno, verrà distribuito un questionario. Lo scopo? Permettere ai cittadini di valutare la qualità dell’ambiente e dei servizi offerti e di proporre suggerimenti e osservazioni. «I questionari saranno inviati a tutti gli utenti della piscina anche tramite newsletter via e-mail, oltre a essere disponibili e compilabili direttamente agli sportelli dell’impianto. – spiega l’assessore allo Sport, Marco Bogo -. I moduli dovranno essere consegnati solo in formato cartaceo sempre agli sportelli della piscina, e per farlo ci sarà tempo un paio di mesi, fino al 10 marzo». 

Tutto sarà in forma anonima: dopo un primo inquadramento sul tipo di utente (fascia di età, orari di frequenza della struttura, servizi utilizzati) verrà chiesta una serie di valutazioni sulla struttura in generale, sul benessere sull’igiene degli spazi, sulla gestione dei vari servizi da parte del personale: «La nostra piscina è una struttura di altissimo livello, con diverse professionalità e un’offerta molto variegata – aggiunge Bogo -. Lasciando la parola ai cittadini, vogliamo capire quali sono i punti di forza e quali gli aspetti sui quali possiamo ancora lavorare; ci sono moltissimi ambiti da analizzare, dalle procedure amministrative alla gestione degli spazi fino al preziosissimo lavoro degli operatori e degli istruttori. Siamo pronti a raccogliere suggerimenti e critiche costruttive per poter poi dare una risposta e fornire così ai bellunesi un livello di offerta ancora più alta».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su