Pari “stretto” con il Vazzola, ma per il Cavarzano è un punto prezioso

Pari “stretto” con il Vazzola, ma per il Cavarzano è un punto prezioso

CAVARZANO-VAZZOLA 0-0

CAVARZANO: De Carli, Dal Paos, Andrighetti, Fontana, Marco Paier, Malacarne, Zoldak Boschet (40’ st Rubinetto), Sommariva (28’ st Canova), Del Din (31’ st Jacopo Paier), Tonus, Bettio (31’ st Savi). Allenatore: Massimiliano Parteli.

VAZZOLA: Armellin, Bozzetto, Munarin, Mazzer (14’ st Anzanello), Dall’Armellina, Gaiotti, Bance, Giuliotto, Bozzon, Benetton, El Bakhtaoui. Allenatore: Simone Piovanelli.

ARBITRO: Andrea Venturato di Bassano (assistenti Condrut di Castelfranco e Sprezzola di Mestre).

NOTE. Ammoniti: Gaiotti, Giuliotto. Calci d’angolo: 9-5.

La convalescenza è lunga, ma il Cavarzano migliora a vista d’occhio. Il pari contro il Vazzola forse va un po’ stretto, ma consente ai giallorossi di allungare di un ulteriore punticino sulla zona playout. E poi, rivela una squadra in crescita, soprattutto nella ripresa. Con un pizzico di cattiveria in più e di maggiore precisione negli ultimi venti metri, i ragazzi di Parteli possono tornare a far vedere grandi cose. 

LA CRONACA

Servono dieci minuti al Cavarzano per carburare. Dieci minuti in cui il Vazzola spaventa i giallorossi con El Bakhtaoui, lanciato a rete tutto solo; per fortuna di De Carli e compagni, l’attaccante incespica sulla palla e perde il momento giusto per tirare. Quando comincia a muoversi Tonus, gira tutta la squadra. Non che il Cavarzano crei chissà che occasioni, ma tanto basta per cambiare l’inerzia del match. Anzi, basterebbe: perché il metronomo giallorosso va a sprazzi nei primi 45 minuti. E quando non si muove, succede ben poco dalle parti di Armellin. Il primo tempo si chiude con un’avarizia di emozioni rara da vedere anche in partite meno quotate. 

La ripresa invece si apre con sentori completamente diversi. Con un’occasionissima di Giuliotto, a cui risponde il triangolo Zoldak Boschet-Bettio-Sommariva: il primo apre con un gran cross, il secondo spiazza di testa e il terzo chiude concludendo alto di un soffio. Il centrocampista zoldano si rende pericoloso anche qualche minuto dopo, con un tiro-cross insidioso che sibila a lato del palo. 

La partita è viva, grazie agli spunti di Giuliotto. Che prima non chiude sul cross di Bance, poi a tu per tu con De Carli si fa ipnotizzare dal portierone giallorosso. Dall’altra parte, sono Sommariva e Bettio e a velocizzare la manovra, con l’attaccante sugli scudi per due conclusioni velenose. Il Cavarzano c’è e si sente. Lo sente anche Armellin che al 26’ è costretto a un volo super per deviare il siluro da fuori di Tonus. Il forcing giallorosso colleziona angoli, ma non riesce a concretizzare di più. Stesso discorso per il Vazzola, che negli ultimi minuti tenta il tutto per tutto e si butta in avanti, senza fortuna.

IL COMMENTO

Per Parteli è comunque un punto guadagnato. «E prezioso» dice l’allenatore giallorosso. «Il Vazzola è una squadra forte, che non c’entra nulla con la posizione di classifica che occupa. Un punto in questo momento del campionato, con la classifica cortissima, va bene. Non abbiamo concesso niente nel primo tempo; nel secondo abbiamo creato molto di più, aprendoci però ai contropiede avversari. Stiamo facendo il campionato che mi aspettavo. Siamo consapevoli di dover lottare fino alla fine per la salvezza».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su