Obiettivo salvezza tranquilla. Ma il Cavarzano neopromossa “terribile” può stupire

Obiettivo salvezza tranquilla. Ma il Cavarzano neopromossa “terribile” può stupire

Neopromossa “terribile”. Il Cavarzano si rituffa nel campionato dopo aver girato a quota 20. Un buon girone di andata con punti preziosissimi, conquistati anche su campi difficili. E una posizione di classifica decisamente buona per una squadra che arrivava in Promozione da neofita: equidistante sia dalla zona play-out sia dalla regione nobile della graduatoria. Ma non dite a Parteli che va bene così. Da eterno perfezionista (e chi lo conosce sa perfettamente che è così), trova sempre qualcosa su cui lavorare. La prova? I giallorossi hanno fatto ben poca vacanza durante le festività. «Il 27, 28 e 29 dicembre abbiamo svolto sedute doppie di allenamento» ammette lo stesso Parteli. «C’è ancora tanto su cui lavorare. Certo, siamo abbastanza soddisfatti del girone di andata e siamo contenti di dove siamo in questo momento. Ma la strada è ancora lunga per cui è prestissimo per fare bilanci. Dobbiamo correre: la zona play-out è troppo vicina (distante 5 punti, ndr) per poterci rilassare. Anche perché il campionato vero inizia adesso».

In che senso?

«Nel senso che il girone di ritorno fa sempre storia a sé. Un po’ perché il mercato invernale cambia le rose. Un po’ perché le squadre lo affrontano a mille all’ora; tutte, non solo quelle di vertice».

E il Cavarzano? Come lo affronterà?

«Con la consapevolezza dei nostri mezzi e senza abbassare mai la guardia. Sapendo anche che gennaio è un mese difficile».

Lo si è visto lo scorso anno: il Cavarzano capolista in Prima ha cominciato l’anno in maniera shock, con una brutta serie di sconfitte…

«Il freddo noi aiuta, soprattutto per gli allenamenti serali. E storicamente le mie squadre hanno sempre faticato in gennaio. Proprio per questo abbiamo caricato gli allenamenti durante le festività. Dobbiamo lavorare e lavorare».

Gennaio comincia con una sfida interessante e ostica: Ambrosiana Trebaseleghe, in trasferta. Una squadra che è appaiata al Cavarzano a quota 20.

«Un avversario difficile, che è là con noi, dopo una partenza molto brutta. Adesso sono imbattuti da 6 partite. Diciamo che era una squadra costruita con ambizioni da play-off».

Anche il Cavarzano però viene da un buon periodo.

«Abbiamo raccolto 4 punti nelle ultime due gare prima della sosta. Bene così».

Pronostico?

«Altra domanda…».

Quali sono gli obiettivi?

«Ci siamo proposti di salvarci con tranquillità, senza gli spareggi. Sarebbe bello farlo senza mai entrare neanche una giornata nella zona play-out. Ma sappiamo che il campionato è difficile, che ci sono tante squadre di qualità. Tutte combattono, nessuna partita è scontata. Come primo anno in Promozione dobbiamo volare basso e salvarci il prima possibile».

Il mercato invernale vi ha portato un nuovo portiere.

«Sì, Paolo De Carli. È andato via dal Bassano e noi abbiamo colto l’occasione per integrare la rosa con un uomo di esperienza e qualità».

Chi si aspetta mister Parteli dal girone di ritorno?

«Nomi è difficile farne. Direi che Andrighetti e Tonus che hanno giocato meno durante l’andata per guai fisici potranno garantire un apporto fondamentale nel girone di ritorno. Aver ritrovato Tonus a ottobre è stato importante. Ci sono volute alcune settimane per vederlo in forma. Adesso abbiamo bisogno di tutti. Ovviamente anche delle sue doti. Ma aspettiamo anche i tanti giovani di qualità che abbiamo in rosa».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su