Le note di Morricone, la magia delle Dolomiti: emozioni in quota

Le note di Morricone, la magia delle Dolomiti: emozioni in quota

 

L’emozione che diventa commozione, la magia dei suoni che riecheggiano tra vette dolomitiche come Mulaz, Focobon e le Pale di San Martino, per poi espandersi nei boschi. Sono le note del concerto “La mia Terra”, nel “Bosco degli Artisti” a Le Buse di Falcade: la grande orchestra, a quasi 2.000 metri di quota, ha reso omaggio agli eroi dell’emergenza Covid-19 con le musiche di Ennio Morricone. 

Un contesto unico, arricchito da un ospite a sorpresa: il celebre flautista reggiano Andrea Griminelli, da sempre al fianco dei big della musica come Sting, Luciano Pavarotti e Zubin Mehta. Fuori programma, Griminelli ha suonato “The Mission”, la colonna sonora dell’omonimo film del 1986 di Roland Joffé, composta, orchestrata e prodotta da Morricone. 

«Questo evento rientra tra le diverse iniziative per promuovere arte e cultura ad alta quota – spiega Mauro Vendruscolo, presidente della Ski Area San Pellegrino -. Oggi più che mai abbiamo bisogno di connetterci con la natura ed elevare la montagna a luogo capace di rendere l’arte fruibile in tutta sicurezza, all’aria aperta, tra vette incontaminate e percorsi da scoprire a piedi o in bici. Questo concerto ci ha concesso l’occasione per fermarci a riflettere su quanto accaduto in questi mesi e sta ancora accadendo. Un momento con noi stessi per imparare l’ennesima lezione che la natura ci ha dato, unendo la musica allo straordinario fascino delle montagne».

Il ricavato sarà interamente devoluto alla Protezione civile del Veneto che ha lavorato senza sosta nei mesi della pandemia. 

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su