L’almanacco dei vecchi contadini: a decidere il meteo sono i “santi della neve”

L’almanacco dei vecchi contadini: a decidere il meteo sono i “santi della neve”

«A San Mauro an fret del diaol, a Sant’Antonio an fret da demonio». Domani (17 gennaio) è il culmine della settimana dei “santi della neve”, quelli che per i contadini di un tempo segnavano l’almanacco meteorologico di gennaio. Il 17 infatti è Sant’Antonio abate, il santo del maiale (Il santo “del porcello”, sceso all’inferno e venerato per secoli in tutte le campagne).
Ma la settimana meteo fa riferimento anche a San Mauro (festeggiato ieri, 15 gennaio) e San Sebastiano (20 gennaio), quello di cui una volta si diceva «San Bastian co la viola in man» per ricordare le stagioni buone; o «San Bastian an fret can» per gli inverni più rigidi.

Ma perché sono chiamati i “santi della neve”? Perché di solito questo è un periodo nevoso (o meglio, lo era prima del riscaldamento globale). Ma anche per un altro motivo: c’è una vecchia tradizione a spiegarlo, sempre legata alle previsioni del tempo della società agricola del passato. Dice che se a Sant’Antonio e a San Sebastiano fa bel tempo e splende il sole, le due figure ne approfittano e vanno al mercato a comperare la neve da spargere sulla terra nei giorni successivi, ricordando così che la stagione è ancora nel pieno dell’inverno. Altro che le app meteo di oggi…

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
News In Quota
Scroll to Top