La Madonna con il naso rotto. E il cacciatore che glielo ruppe…

La Madonna con il naso rotto. E il cacciatore che glielo ruppe…

«Scherza con i fanti, ma lascia stare i santi». Un vecchio adagio sempre valido, come mostra un’antica leggenda bellunese, ai più sconosciuta. Una leggenda che tra l’altro racconta la storia antica del capitello di Sanfor, conosciuto come “Madonnina bianca”.

I bellunesi lo vedono da secoli nella stradina vecchia che da Castion scende in città (la “curta”). Un’edicola a forma quadrata di fine Cinquecento, con Sant’Antonio da Padova, San Domenico e San Martino nelle nicchie laterali e posteriore. E la Vergine con bambino nel lato frontale. Una statua in pietra, realizzata da un lapicida locale. La “Madonnina bianca” però ha il naso rotto. A memoria d’uomo è sempre stata così. E la leggenda narra che sia la conseguenza di uno scherzo.

Un aristocratico bellunese stava tornando dalla caccia con alcuni amici. Fiero delle prede catturate e della propria bravura con il fucile, sfidò i compagni a una gara di tiro. E diede dimostrazione della propria mira puntando da molto distante proprio la statua della Vergine. Non solo: mirò proprio al naso. E con un colpo glielo asportò di netto. 

Scherza pure con i fanti, ma lascia stare i santi… Tra risate e vigorose pacche sulle spalle, il prode cacciatore tornò a casa festante. Ma non potè festeggiare a lungo la bravata. La leggenda narra che qualche mese dopo gli nacque un figlio. Senza naso.

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su