La Madonna con il naso rotto. E il cacciatore che glielo ruppe…

La Madonna con il naso rotto. E il cacciatore che glielo ruppe…

«Scherza con i fanti, ma lascia stare i santi». Un vecchio adagio sempre valido, come mostra un’antica leggenda bellunese, ai più sconosciuta. Una leggenda che tra l’altro racconta la storia antica del capitello di Sanfor, conosciuto come “Madonnina bianca”.

I bellunesi lo vedono da secoli nella stradina vecchia che da Castion scende in città (la “curta”). Un’edicola a forma quadrata di fine Cinquecento, con Sant’Antonio da Padova, San Domenico e San Martino nelle nicchie laterali e posteriore. E la Vergine con bambino nel lato frontale. Una statua in pietra, realizzata da un lapicida locale. La “Madonnina bianca” però ha il naso rotto. A memoria d’uomo è sempre stata così. E la leggenda narra che sia la conseguenza di uno scherzo.

Un aristocratico bellunese stava tornando dalla caccia con alcuni amici. Fiero delle prede catturate e della propria bravura con il fucile, sfidò i compagni a una gara di tiro. E diede dimostrazione della propria mira puntando da molto distante proprio la statua della Vergine. Non solo: mirò proprio al naso. E con un colpo glielo asportò di netto. 

Scherza pure con i fanti, ma lascia stare i santi… Tra risate e vigorose pacche sulle spalle, il prode cacciatore tornò a casa festante. Ma non potè festeggiare a lungo la bravata. La leggenda narra che qualche mese dopo gli nacque un figlio. Senza naso.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su