«Non faremo il funerale all’Acc». I sindacati chiedono subito un intervento: serve liquidità

«Non faremo il funerale all’Acc». I sindacati chiedono subito un intervento: serve liquidità

Premessa doverosa: la situazione è complessa e non è diversa rispetto a quella di qualche settimana fa. Significa che mancano certezze economiche e liquidità. Le certezze produttive invece sono solidissime: 2,2 milioni di pezzi previsti nel 2021 e volumi di inizio anno corrispondenti a quelli del primo decennio del secolo; oltre all’interesse sul mercato del nuovo compressore modello 139 a velocità variabile. Insomma, Acc ha tutto per funzionare e tornare ai fasti di un tempo. Eppure rischia di non avere futuro.

A fare il punto della situazione sono i sindacati. Film Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil hanno incontrato ieri (martedì 5 gennaio) il commissario straordinario Castro. E hanno analizzato alcuni dati. Quelli dei clienti e del mercato. Ma anche il fatto che la liquidità di Acc si esaurirà nelle prossime settimane, a causa del mancato apporto dei finanziamenti bancari. 

«Ribadiamo con forza, ancora una volta che Acc di Mel è una fabbrica che produce a pieno regime, è riconosciuta dal mercato della refrigerazione domestica europea come essenziale e ha grandi potenzialità di accrescere le sue quote di mercato, la sua tecnologia e i suoi livelli occupazionali – premettono i sindacati -. Il governo si è sempre dichiarato pronto e disponibile a fare ogni passo necessario per salvarla e farla diventare l’asse portante del grande progetto del polo integrato del compressore italiano (ItalComp) insieme con l’ex Embraco per sfidare i colossi asiatici. Abbiamo sempre creduto, apprezzato e sostenuto le intenzioni del governo: ItalComp è una vera operazione di politica industriale pubblico-privata con investimenti strategici che va finalmente nella direzione giusta, dopo decenni di colpevole inerzia e pigrizia. Adesso però serve una scaletta credibile per la costituzione e per l’operatività della NewCo ItalComp a guida Invitalia. Ed è necessario affidare a un soggetto imprenditoriale bancario o industriale un intervento-ponte a favore di Acc che la mantenga attiva sino a quando non sarà rilevata da ItalComp: è un intervento che costa pochi milioni – meno di 10 – che possono essere garantiti in restituzione da Invitalia in diverse forme. Di certo non faremo il funerale alla Acc».

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su