Il suono della campana “illumina” la via verso il Natale

Il suono della campana “illumina” la via verso il Natale

Oggi vi raccontiamo la leggenda delle campane di Natale

Nella notte di Natale di tanti anni or sono, mentre i pastori affollavano Betlemme, sedeva sul ciglio della strada un bimbo cieco. Il quale, sentendo l’annunciò degli angeli, pregò i passanti di condurlo al giaciglio di Gesù.
Nessuno purtroppo aveva tempo per lui.
Ma, quando la folla fu passata e le strade tornarono silenziose, il bimbo cieco udì in lontananza il lieve rintocco di una campana da bestiame. Seguì quel rintocco, a piedi, fino alla stalla dove la mucca lo accompagnò.
E nella stalla c’era proprio la mangiatoia dove giaceva il piccolo Bambin Gesù.
Da allora, la notte di Natale, le campane suonano a festa.
  

CURIOSITÀ DALL’ITALIA…
Come nasce la tradizione del torrone?
Tanto tempo fa, nella città di Cremona, si doveva celebrare il matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti.
Il padre dello sposo chiese al cuoco di corte di inventare per l’occasione un nuovo dolce che potesse ricordare a tutti gli invitati quel maestoso matrimonio.
Il cuoco, dapprima preso dallo sconforto e pensando di non poter mai ottemperare a quella richiesta così impegnativa, si mise all’opera.
Cominciò con esperimenti per lunghe notti.
Poi impastò mandorle, miele, bianco d’uovo e, per dare al composto la forma di una torre, lo mise in forno fino a quando non fosse diventato duro al punto giusto.
Alla fine del pranzo nuziale, il nuovo dolce venne servito ai commensali.
Stupore e incredulità: dolce incredulità.
Un invitato si alzò in piedi ed esclamò: «Lo chiameremo Torrone, in ricordo della torre della nostra città: Cremona». 
Gli invitati chiesero subito la ricetta di questo dolce alla famiglia Sforza, che rimase a lungo segreta, prima di diventare: uno dei simboli della tradizione

 

E DAL MONDO…
La Statua della Libertà, può essere considerata il più grande regalo di Natale in assoluto: lo sapete perché?
Fu donata dai francesi agli americani proprio il 25 dicembre come segno di amicizia fra i due popoli.
In Brasile si pensa che “Papi Noel”, ovvero Babbo Natale, arrivi dalla Groenlandia, pertanto una volta approdato in Sud America sembra che si cambiasse per indossare solo abiti di seta a causa del gran caldo.
E bravo “Papi Noel”!
In Sud Africa, invece, sapete qual è il piatto della tradizione? Insetti fritti.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su