Feltre e Pedavena: sta per sorgere il nuovo distretto del commercio

Feltre e Pedavena: sta per sorgere il nuovo distretto del commercio

Crescere insieme, pur mantenendo le proprie specificità: è su questa base che Feltre e Pedavena guardano al futuro. E chiedono alla Regione il riconoscimento del nuovo “Distretto del commercio Feltre-Pedavena”. 

«Facciamo già parte del distretto con Belluno e Ponte nelle Alpi – ha spiegato Irma Visalli, assessora alle Attività produttive del Comune feltrino – ma non ne stiamo uscendo. Anzi, l’esperienza è stata così positiva, che chiediamo alla Regione di creare un’ulteriore sinergia, orientata a coinvolgere il commercio, oltre che l’associazionismo, la sfera culturale e turistica. In questo modo, avremo due poli d’ingresso alle Dolomiti, patrimonio dell’umanità secondo l’Unesco». 

L’accordo già c’è, ora non resta che formalizzarlo con l’impronta della Regione: «Siamo pronti a promuovere una serie di progetti integrati – prosegue Visalli – che abbiano la loro forza di autonomia. E, allo stesso tempo, possano dialogare con chi ci sta attorno, seguendo spazi e relazioni diverse». 

Ora la richiesta di riconoscimento, a breve il bando con le varie progettualità: «Per Pedavena – sono le parole del sindaco Nicola Castellaz – è una grande opportunità, destinata a valorizzare le risorse di cui dispone il territorio, a rigenerare il tessuto urbano, sostenere la competitività delle nostre imprese commerciali. E dei negozi di vicinato, che da sempre garantiscono un valore aggiunto a livello di rapporti umani e fiducia». 

A questo proposito, verrà realizzato un tavolo di lavoro, al quale prenderanno parte tutti gli attori coinvolti dal distretto. Per la soddisfazione di Luca Dal Poz, direttore di Confcommercio Belluno: «Si tratta di una sfida stimolante, che si basa sul confronto continuo e sul rapporto collaborativo, nell’ottica di una crescita progressiva. Il distretto è fondamentale per valorizzare il commercio come attività di servizio: non solo per i residenti, ma pure per chi viene a trovarci. Ecco perché servirà il coinvolgimento di tutte le imprese: del centro e delle frazioni». Il nuovo binomio Feltre-Pedavena prende quota: «L’importante è che diventi espressione di una comunità, capace di riconoscersi in una visione anche in termini di prospettive di sviluppo». 

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su