Edifici scolastici e viabilità: l’Alpago individua le priorità in vista del 2020

Edifici scolastici e viabilità: l’Alpago individua le priorità in vista del 2020

Il Comune di Alpago guarda al domani. E lo fa attraverso la lente dei lavori pubblici: a questo proposito, la programmazione è nero su bianco, con tanto di via libera del consiglio comunale.

Su fronte della viabilità, trova posto uno stanziamento di 100mila euro (somma che dovrebbe peraltro essere raddoppiata in sede di consuntivo) per l’avvio dell’asfaltatura di alcune tra le principali strade comunali. Altre risorse importanti sono destinate alla sistemazione dell’arredo urbano, dei parchi gioco per bambini, oltre che di piazze, sentieristica, verde pubblico e per l’installazione di nuovi punti luce, anche nell’ottica di migliorare la sicurezza dei cittadini.
Nei prossimi mesi, presumibilmente entro l’estate, è inoltre programmata la conclusione della nuova strada di collegamento Pieve-Plois.

Un capitolo corposo del bilancio comunale riguarda poi gli edifici scolastici. Nel previsionale, innanzitutto, l’avvio della progettazione esecutiva della scuola media di Puos, per la quale sarà contratto un muto di 1,6 milioni di euro. L’opera avrà un valore complessivo di 4,1 milioni, già finanziati al momento con contributi per oltre 2 milioni. A Puos troverà così posto il nuovo polo scolastico delle medie, mentre Farra ospiterà quello della materna e delle elementari; a tale riguardo, la conclusione per la nuova scuola dell’infanzia è fissata per il prossimo mese di agosto, in modo che i bambini possano usufruire della nuova struttura già da settembre, ovvero all’inizio del nuovo anno scolastico. Per il solo 2020 sono programmati lavori per 1.240.000 euro.

Un progetto importante riguarda quindi le strutture municipali, con la struttura di Puos pronta a essere operativa nel corso del 2020. E con il trasferimento del personale dell’area finanziaria e tecnica; a Farra resteranno lo sportello polifunzionale, l’ufficio tributi e la sede dell’Unione montana, mentre il municipio di Pieve, dove resterà lo sportello polifunzionale, ospiterà anche lo spazio museale permanente con i reperti archeologici dell’area di Pian de la Gnela.

«È un programma ambizioso e impegnativo, quello che ci siamo dati per il prossimo anno sul fronte delle opere pubbliche – commenta il consigliere con delega ai lavori pubblici, Floriano De Pra -. Sia per quanto riguarda la viabilità, sia sul fronte del patrimonio pubblico, in particolare scolastico. Siamo peraltro convinti che solo investendo sui servizi, in particolar modo per le imprese e le famiglie, possiamo dare un futuro alle nostre comunità locali: la scuola è certamente uno dei principali e le scelte che abbiamo fatto anche in altri ambiti del settore (trasporto, mense, doposcuola) testimoniano che il cammino intrapreso è chiaro e preciso». 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su