«Decreto Sostegni: risorse importanti per il turismo di montagna»

«Decreto Sostegni: risorse importanti per il turismo di montagna»

«Molto importante la proposta approvata dalla conferenza delle Regioni per il riparto dei 700 milioni di euro messi a disposizione dal Decreto Sostegni al turismo di montagna, a cui si aggiungo ulteriori 100 milioni di euro. Proposta condivisa anche dai ministri al Turismo Massimo Garavaglia e agli Affari regionali e le Autonomie, Mariastella Gelmini, che l’hanno fatta propria impegnando il governo nella sua applicazione». Ad affermarlo, l’assessore con delega alla Specificità di Belluno Gianpaolo Bottacin, che sottolinea in particolare come «una parte consistente di risorse, di 430 milioni di euro per gli impianti di risalita e 40 milioni di euro per maestri e scuole di sci, vada incontro a uno dei settori messi più a dura prova nell’ambito di una montagna ferita più di altre realtà dall’emergenza coronavirus».

Le risorse per gli impianti, calcolate sulla base del fatturato tra le stagioni invernali 2019/2020, saranno destinate direttamente dallo Stato alle singole società di impianti. Per quanto riguarda i maestri di sci, tali risorse saranno invece ripartite tra le Regioni in base al numero degli iscritti negli albi professionali e saranno poi le Regioni a determinarne l’attribuzione ai singoli maestri e alle scuole di sci.

«Ulteriori 230 milioni saranno  invece destinati a tutte le partite iva della filiera – dettaglia Bottacin -. La quota spettante alle singole Regioni per l’indennizzo di ristoranti, rifugi, noleggiatori, fornitori e altre attività correlate, sarà ripartita sulla base delle presenze turistiche».

«Preziosa anche l’ulteriore decisione presa dalla Conferenza – conclude l’assessore alla Specificità di Belluno – che ha approvato la richiesta che abbiamo avanzato come Regioni di incrementare il Fondo con ulteriori 100 milioni euro. Una grande opportunità per la montagna, frutto anche di una nostra battaglia, per la quale ringrazio l’attenzione che hanno voluto darci i ministri nell’ascoltare le proposte provenienti dal territorio».

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su