Dalla Cisl un nuovo patto per il lavoro 4.0

Dalla Cisl un nuovo patto per il lavoro 4.0

Formazione e gestione partecipata, crescita e riconoscimento professionale attraverso l’adeguamento dei sistemi di inquadramento dei lavoratori, smart working, conciliazione vita-lavoro, welfare aziendale. Sono le principali linee guida del nuovo patto per il lavoro 4.0 lanciato dalla Cisl Belluno Treviso, in occasione del Consiglio Generale del sindacato guidato a livello territoriale da Cinzia Bonan.

«In un mondo del lavoro nel pieno della trasformazione digitale – spiega il segretario generale – è necessario che anche la contrattazione territoriale accompagni il cambiamento con una partecipazione sempre più mirata a migliorare la crescita dell’impresa e, al contempo, il benessere dei lavoratori».

Alle associazioni degli industriali che hanno partecipato alla tavola rotonda (Confindustria Belluno Dolomiti con il direttore Andrea Ferrazzi e Assindustria Venetocentro con la vicepresidente Antonella Candiotto) la Cisl ha proposto di condividere alcuni obiettivi al fine di definire un accordo quadro territoriale.

«Proponiamo – prosegue Bonan – una contrattazione proattiva e corresponsabile, che metta al centro la persona, il lavoro e l’azienda, elevando la partecipazione dei lavoratori e del sindacato per condividere obiettivi che garantiscano crescita alle aziende innovative e benessere e aumento delle competenze ai lavoratori».

«L’idea è quella di una maggiore condivisione e partecipazione per governare i cambiamenti del lavoro – aggiunge il segretario generale aggiunto Rudy Raffare -. Proponiamo, ad esempio, l’istituzione di commissioni paritetiche per la formazione continua, per coinvolgere i lavoratori sugli obiettivi di risultato, per governare le trasformazioni dovute all’introduzione dei robot e per incrementare strumenti per il benessere dei lavoratori come orari, smart working e welfare. La cooperazione tra le parti sociali e la partecipazione alla gestione delle imprese, inoltre, può essere tradotta in esperienze di partecipazione ai consigli di amministrazione e di sorveglianza».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su