«Commosso dai miei pazienti: ora sono io a combattere contro la malattia»

«Commosso dai miei pazienti: ora sono io a combattere contro la malattia»

 

Quelle parole lo hanno commosso. Emozionato. Toccato nel profondo: «Il nostro sentimento accomuna un’intera comunità, a cui hai saputo regalare tanto». Attraverso una lettera scritta, i pazienti del dottor Giancarlo Boito hanno voluto testimoniare la loro gratitudine al medico, che appende il camice al fatidico chiodo. E lo stesso medico di Ponte nelle Alpi ha raccolto questa gratitudine. Ne ha tenuto una parte per sé. E il resto lo ha donato di nuovo a loro: a pazienti diventati presenza fissa, alcuni persino amici nella vita del dottore. Il quale ha svelato la sua lotta contro la malattia: una lotta che combatterà sapendo di avere al fianco una moltitudine di persone che lo apprezzano. E gli vogliono bene, come se fosse uno di famiglia. 

«A gennaio 2018 – scrive il dottor Boito – in maniera improvvisa e repentina, ho iniziato una guerra contro un tumore. 
Per questo mi sono dovuto allontanare velocemente e senza preavvisi dal lavoro, cambiando ritmi di vita, equilibri, finalità, obiettivi e valori.
Dopo qualche fase alterna positiva e negativa, ora c’è una tregua, una fase di relativo benessere, “disturbata” dai doverosi e frequenti controlli della malattia. 
Ringrazio quanti mi sono stati vicino, mi hanno sostenuto con parole e fatti, si sono preoccupati della mia salute, mi hanno stimolato a guarire e chiesto di tornare al più presto in ambulatorio.
Ed è con commozione che ringrazio anche coloro che, in 35 anni di professione, mi hanno scelto come medico di fiducia, dimostrandomi amicizia, stima e affetto, condividendo con me i loro problemi di salute.
Personalmente ho cercato di fare del mio meglio, confrontandomi, ascoltando, consigliando e condividendo con tanti di voi, gioie e dolori, speranze e delusioni, a volte rabbia e rassegnazione.
Mi viene da aggiungere che sto vivendo, stavolta personalmente, un film già visto tante volte con chi ha vissuto la mia stessa patologia.
Ringrazio poi i miei colleghi, con i quali ho condiviso la professione, e chi mi ha sostituito negli ultimi due anni. 
Infine un ringraziamento a quanti hanno cercato di rendere fruibile, snella e funzionale l’attività ambulatoriale agli assistiti. 
Grazie di cuore a tutti». 

Firmato: il dottor Giancarlo Boito. 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su