800 milioni di euro sulla viabilità per Cortina: Anas presenta la nuova vecchia Alemagna

800 milioni di euro sulla viabilità per Cortina: Anas presenta la nuova vecchia Alemagna

Quasi 800 milioni di euro. Tanto valgono Mondiali e Olimpiadi per la viabilità da e per Cortina. Poco meno di un miliardo di euro per qualche intervento sulla 51 bis, sulla 52 Carnica e soprattutto per varianti e rettifiche sulla vecchia Statale di Alemagna. Che vecchia rimarrà anche dopo i lavori, stessa carreggiata, identico numero di corsie. Un abito vintage con toppe nuove. Utile, certo. Ma adatto al modello che lo dovrà indossare? Un dubbio emerso anche ieri, nell’incontro Anas-sindaci a Pieve di Cadore. Un dubbio in sordina, ma evidentemente presente. 

L’altro dubbio, invece, è una certezza: le opere del grande piano Cortina 2021 non saranno pronte per i Mondiali. Gli interventi accessori sì: lo ha garantito il numero uno di Anas, Claudio Andrea Gemme. Le varianti invece no, anche perché deve ancora concludersi l’iter autorizzativo.

«L’obiettivo è averle concluse per il 2024 – ha spiegato Gemme -. In tempi più che utili per le Olimpiadi. L’altro traguardo che ci poniamo è il 2026: per le Olimpiadi contiamo di aver completato anche le varianti di Longarone e Cortina».

Meglio andare con ordine. C’è il Piano Cortina 2021, che punta a svecchiare la vecchia Alemagna e a rendere più funzionali e sicure la 51 bis e la 52 Carnica. Un piano mastodontico, da oltre 300 milioni di euro che solo nel tratto fra Longarone e Cortina prevede 49 interventi di adeguamento e messa in sicurezza; di questi, 22 sono stati ultimati, 23 sono in corso, 4 sono di prossimo avvio. E vanno aggiunte le varianti di Tai, Valle, San Vito e Cortina, per cui l’approvazione Via dovrebbe arrivare entro settembre. 

Poi ci sono gli interventi per il 2026, altro capitolo. La legge olimpica stanzia 270 milioni per la variante di Longarone e circa 203 milioni per il completamento della variante di Cortina. Due interventi fondamentali su cui esistono già alcune progettualità.

E i tempi? Gemme non si è nascosto ieri: i ritardi ci sono, sul Piano Cortina 2021; e sarebbe impossibile negarli. Ma il numero uno di Anas ha anche garantito che – varianti a parte – gli altri interventi saranno conclusi per gennaio 2021. «E nel caso in cui non dovesse essere così, libereremo i cantieri, in modo da non creare impaccio ai flussi verso Cortina. Sono stati avviati tutti i lavori nello strategico nodo di Longarone. Tuttora sono allo studio alcune modalità, tra cui anche le lavorazioni in fase notturna, per velocizzare gli interventi».

Il dubbio resta comunque: visto l’ammontare delle cifre, non sarebbe stato meglio concentrare le soluzioni in un intervento di tipo diverso rispetto a una cinquantina di rettifiche, sistemazioni e varianti? Il prolungamento della A27 fino a Tai aveva già passato l’esame in Via, qualche anno fa…

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su