I prodotti delle api in gara: torna il concorso Limana paese del miele

Vasetti da Oscar. Tiglio, acacia, millefiori… Ce ne saranno per tutti i gusti. Con premio al migliore, congratulazioni all’apicoltore e complimenti alle api. Torna il concorso provinciale dei migliori mieli bellunesi. 

La sesta edizione del premio organizzato da Apidolomiti, Comune di Limana e Pro loco è in calendario per domenica 18 ottobre. E come da tradizione sarà inserita all’interno della festa dell’apicoltura e dei prodotti agricoli, in programma per tutto il weekend, a partire da venerdì 16 ottobre. Una festa dolcissima che quest’anno dovrà rispettare alcune norme anti-Covid, ma non rinuncia all’appuntamento.

Il premio ha lo scopo di valorizzare e incentivare le produzioni di qualità del miele bellunese. Possono partecipare tutti i produttori che confezionano il loro miele in provincia di Belluno; basterà presentare alla segreteria di Apidolomiti (o al Comune di Limana )due vasetti da 250 grammi e uno da 500 grammi entro il 3 ottobre. Negli anni hanno partecipato al concorso diverse produzioni, anche di nicchia, come il miele di edera e di rododendro (Miele d'edera e di rododendro: produzioni rare tra le Dolomiti bellunesi).

Informazioni dettagliate su www.paesedelmiele.it.

 

Riflessioni e musica sotto le stelle: Valmorel torna con la rassegna estiva

Il sottotitolo dice tutto: riflessioni in quota. E gli appuntamenti sono davvero interessanti. Perché oltre alla musica e all’arte c’è bisogno anche di riflettere. È per questo che “Valmorel sotto le stelle e sotto il sole” mette in calendario anche una serata-conferenza; anzi, doppia conferenza, ad aprire la rassegna.

In cabina di regia, come sempre, Comune, Pro loco Limana, Aics e il sempiterno comitato frazionale. Del resto, la rassegna di Valmorel è da anni un momento abituale per la montagna limanese. E non solo per i locali.

Il calendario si apre domani (venerdì 7 agosto), partendo proprio dalle riflessioni. Alle 17.30 ci sarà l’incontro inaugurale con Graziano Ganzit (perito agrario e amministratore) e con Joannhes Keintzel (agricoltore di Coltivare condividendo); sotto la lente, il tema del rispetto della natura e l’importanza delle comunità rurali, con intermezzi ispirati alla musica mediterranea e iraniana. Poi, a seguire (alle 20.30), la presentazione del libro “Riflessioni d’alta quota”, di Leonardo Sapienza, con immagini di Giacomo De Donà e Loris De Barba.

La rassegna proseguirà con altri quattro appuntamenti, come da copione. Tutti al campo sportivo. Il primo domenica 9 agosto, quando saranno organizzati alcuni “laboratori artistici” (alle 15), e un viaggio tra i paesaggi della letteratura (“Semizdat: paesaggi tra il Michigan e Kabul”, alle 17.30). Venerdì 14 alle 20.30 si parlerà di India, con foto e racconti di viaggio, a cura di Federico Scano. E il giorno dopo Ferragosto, alle 17.30, concerto di Mario e Bruno, un viaggio musicale tra miti e tradizioni popolari. 

A chiudere la rassegna, un’interessante camminata a piedi nudi da Malga Van a Malga Pianezze, sull’erba dei pascoli alpini (domenica 30, alle 9.30).

 

A caccia di luoghi e tradizioni: un concorso fotografico per ricordare "Toieto"

Novità per gli amanti della fotografia: Limana lancia un concorso per raccontare con immagini i luoghi e le sue tradizioni.

L’iniziativa è targata Comune, comitato frazionale di Giaon e Circolo fotografico bellunese “Mario De Biasi”. L’obiettivo è duplice: da un lato stimolare una “battaglia” di scatti per valorizzare il territorio e fissarne usi e costumi; dall’altro, ricordare Vittorio Bristot “Toieto” e la sua passione. «E anche la sua attività di fotografo, che lo portava in ogni occasione a essere presente per immortalare ogni circostanza della vita sociale, civile e religiosa di Limana - spiegano gli organizzatori -. In un’epoca in cui telefonini e fotocamere non erano diffuse, “Toieto” era invece presente tanto da diventare la vera memoria storica di Limana e il suo archivio è sempre stato un vero tesoro di informazioni ed emozioni». 

Il concorso si divide in due sezioni. La prima dedicata alle foto di luoghi e paesaggi della provincia di Belluno. La seconda, invece, punta a raccontare per immagini le tradizioni, i momenti delle feste del paese, delle feste delle frazioni, gli in­contri, le manifestazioni, eventi sportivi. Possono partecipare tutti gli amanti della fotografia, senza limite di età. Ogni partecipante potrà inviare un massimo di tre scatti per ogni sezione. Sono ammesse foto a colori e in bianco e nero. E c’è tempo fino al 30 novembre per inviare gli scatti (all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Le opere verranno esposte nelle Sale mostre del municipio di Limana nel corso di una mostra aperta al pubblico, durante la manifestazione di San Valentino 2021. 

Informazioni dettagliate sul sito istituzionale del Comune di Limana.

 

C'è anche un comico di Zelig: la sagra di Limana pronta al via

Domani sera si alza il sipario. E per sei serate sarà un tripudio di piatti tipici, musica, spettacolo e divertimento. Anche con un ospite speciale direttamente dagli schermi televisivi. La Pro loco di Limana ha deciso che Covid o non Covid la sagra 2020 doveva essere in grande stile. E così sarà. L’ospite è uno che parla strano, in terzine dantesche. Sì, proprio lui: Maurizio Lastrico, comico di Zelig e attore tra le altre fiction anche in Don Matteo. Sarà il protagonista della serata di sabato 29 agosto, con uno spettacolo di cabaret di alto livello. Ma la sagra comincia prima.

Domani, come detto (venerdì 21 agosto). La cucina propone frittura di pesce e paella, mentre il dopo cena dice cinema per bambini con maxi schermo e baby dance. Il tutto, nell’area davanti alle scuole elementari. Sabato invece, un film thriller sul maxi schermo e musica con Ela dj. E dal pomeriggio, torneo di green volley La cucina di domenica si sdoppia: toro all’argentina per pranzo, cinghiale a cena, quando sarà in programma anche un piccolo spettacolo circense.

La sagra tornerà poi da venerdì 28, per il secondo weekend. Per prenotare il tavolo o i piatti da asporto, ma anche i biglietti per lo spettacolo di Maurizio Lastrico, basta telefonare al 3714180254.

 

Concerto in malga aspettando l'alba. Ma anche musica e teatro nell'estate limanese

 

Serate. Ma anche pomeriggi e mattine. Anzi, albe. “Ritrovarsi in Sinistra Piave” si allarga a tutte le fasce orarie, per offrire una ripartenza culturare dopo il Covid. D’altronde, il titolo della rassegna limanese parla chiaro.

«Abbiamo attraversato un periodo difficile, ora cerchiamo di far ripartire le attività culturali e di intrattenimento che fanno sperare in un ritorno alla normalità e alla quotidianità  - spiega l’assessore alla cultura, Edi Fontana -. Abbiamo pensato che sarebbe stato importante organizzare qualcosa insieme, Comune di Limana e Comune di Borgo Valbelluna, proprio per sancire questa voglia di tornare alla normalità. L'obiettivo è quello di far sì che le persone tornino a respirare cultura».

E allora eccola la cultura: otto appuntamenti fino al 3 settembre. Tra musica, film e teatro. In location di volta in volta diverse e scenografiche.

Si comincia venerdì prossimo (31 luglio) alle 18.30 con “Fiati e suggestioni”, concerto dei ragazzi delle scuole medie, in quel di Malga Montegal (a Valmorel). Il secondo appuntamento invece è vietato ai dormiglioni, perché è in calendario per le 5.30 di mattina. Proprio così: domenica 2 agosto la rassegna culturale aspetta l’alba a Malga Van (sempre Valmorel) con il concerto di pianoforte di Mosè Andrich. E il giorno dopo, alle 18.30, teatro per bambini e famiglie nel cortile della biblioteca civica.

Domenica 9 agosto saranno protagoniste le musiche degli anni Trenta e Quaranta, con le ugole delle Magosts. E il 22 agosto la rassegna farà tappa in casa di riposo per raccontare il “Veneto perduto” ai nonni. In calendario anche l’esibizione finale dello stage della Filarmonica Belluno, la proiezione del film “Rol - la storia del Mazarol”, e un concerto di chitarre al parchetto di Sampoi.

L’ingresso per tutti gli eventi è gratuito, ma per ragioni di sicurezza è obbligatoria la prenotazione (ufficio Cultura del Comune di Limana 0437 970868; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

 

Motoseghe e decespugliatori. Volontari all'opera per pulire i sentieri

 

«Semplicemente un grande grazie, a tutti». È questo il pensiero che il sindaco di Limana, Milena de Zanet, rivolge alle decine di volontari accorsi domenica alla consueta giornata dedicata all’apertura, alla pulizia ed alla sistemazione dei sentieri del Comune di Limana. All’appuntamento, fissato per le ore 5.30 presso la Baita degli Alpini in Valpiana, si sono presentate circa 60 persone attrezzate con motoseghe, decespugliatori e rastrelli. Dopo una rapida conta dei presenti e la distribuzione di uno spuntino per la sosta di metà mattina, i volontari sono stati divisi in squadre in base alle operazioni necessarie su ciascuno dei sentieri sui quali si è deciso di intervenire.

A coordinare uomini, mezzi ed interventi, Ivo Gasperin e Deny Cortina per i gruppi di Protezione Civile ed Alpini; Manolo Cibien per la Riserva Alpina di Caccia. Oltre a loro, volontari della Pro loco e dei gruppi frazionali. E mentre le squadre operavano sul campo, in baita altri volontari hanno curato la preparazione del pranzo, perché anche la convivialità ha un ruolo importante.

«L’appuntamento di oggi è stato particolarmente significativo - commenta Alex Segat, Assessore all’Ambiente e al Patrimonio Forestale -. A quasi due anni di distanza da Vaia oggi siamo riusciti a ripristinare l’accesso al Monte Pezza, la cima più elevata del Comune di Limana, tramite due distinti sentieri: l'uno, il più noto, sale da Malga Pianezze passando per la forcella del Col della Crocetta; l'altro sale dalla sorgente Saonera. Si è trattato di due ripristini particolarmente complessi sia per le numerose piante ancora presenti sui tracciati sia per la difficoltà tecnica dei sentieri, caratterizzati da elevate pendenze. Non solo: i volontari hanno proceduto anche a falciare l’abbondante erba presente sui sentieri del crinale, spettacolari per i loro panorami, e sulle strade del Troi dei Cavai e del Canal di Limana. Da oggi è nuovamente percorribile anche la strada silvo-pastorale che collega la sorgente denominata Saonera al Troi dei Cavai: un tracciato di poco meno di tre chilometri, quasi totalmente pianeggiante, molto piacevole da percorrere in bici. Finora era impercorribile per la presenza di numerosi schianti, rimossi in settimana dalla ditta Varet; i volontari hanno riassestato il fondo della strada e provveduto agli sfalci. Riaperto anche, infine, il sentiero che collega la località Frascon alle sorgenti del Torrente Limana ed il vecchio sentiero che collegava Malga Canal dei Gat alla sorgente Saonera».

Alcune squadre hanno pulito anche le aree verdi circostanti i complessi malghivi di Pianezze e Canal dei Gat oggi destinati alla ricettività. «Si tratta di interventi che la Riserva di Caccia ripete almeno due volte l’anno, assieme alla pulizia delle aree verdi e pic-nic lungo via Montegal – spiega Segat -. L’unico rammarico sta nell’aver definitivamente perduto l’accesso a Malga Cor: il sentiero che saliva dalla sorgente Saonera è sepolto sotto gli schianti ed in parte rovinato a valle a causa del ribaltamento delle ceppaie, come pure il sentiero che saliva lungo il Col delle Poiatte».

Gli interventi non si esauriscono nella parte alta del Comune. Spiegano Gasperin, Cortina e Cibien: «Quest’anno abbiamo deciso di procedere con la sistemazione della strada vicinale detta Del Carantan, un tempo fondamentale collegamento tra le località Laste e Cros di circa 1km e oggi interessante percorso per escursionisti e ciclisti. Due settimane fa è stato sistemato il Sentiero Buzzati, principale e strategico raccordo tra i sentieri della parte alta e quelli della parte bassa del Comune. Per gli anni a venire ci piacerebbe poter procedere al ripristino di altri vecchi tracciati che costituivano la vecchia rete viaria del comune, oramai caduta in desuetudine».

«Una giornata dunque ricca sì di fatica, ma pure di soddisfazione – conclude De Zanet – che speriamo richiami sul territorio numerosi visitatori e che faccia apprezzare sempre più ai limanesi la bellezza del proprio territorio: siano essi grati a quanti, volontariamente, contribuiscono a mantenerlo pulito ed ordinato e… appuntamento al prossimo anno!»

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019