Fondo di solidarietà tagliato: «Ennesima presa in giro per i Comuni bellunesi»

Fondo di solidarietà tagliato: «Ennesima presa in giro per i Comuni bellunesi»

 

«Oltre al danno, la beffa». La notizia del taglio al Fondo nazionale di solidarietà dei Comuni, per il 2020, trova la netta e ferma contrarietà di Dario Scopel: «Per la quasi totalità dei municipi bellunesi, è una vera e propria presa in giro», sbotta il coordinatore provinciale di Forza Italia e sindaco del Comune di Seren del Grappa. «Dobbiamo fare ricorso a tutto il senso istituzionale di cui, come amministratori, ci siamo dotati per non insorgere di fronte all’ennesima decisione del governo centrale che va a penalizzare chi cerca di gestire con oculatezza e senso di misura gli enti periferici dello Stato». 

Secondo Scopel, «il taglio si abbatte ancora una volta su chi meglio lavora e si impegna per non sperperare i denari pubblici. Del resto, fino a quando non si cambieranno i criteri di calcolo e ripartizione, basati sulla spesa storica e la capacità di contribuzione fiscale, la musica resterà la stessa. Per usare una metafora, è come continuare ad andare a sbattere contro le pale di un mulino, sul quale il vento soffia sempre nella stessa direzione».

Il sindaco di Seren allarga i confini della sua analisi: «A render ancor più marcato lo sconcerto è anche l’ennesimo tentativo di salvataggio finanziario della Regione Sicilia, dove il “buco” nei conti ha superato quota 7 miliardi. Non possiamo assistere impassibili a questa Italia dei due pesi e delle due misure. Cosa ne è stato della richiesta di autonomia veneta (e bellunese), partita dalla volontà popolare dei referendum? Qualcuno ci dica una volta per tutte se intende garantire in qualche modo la sopravvivenza delle comunità locali, soprattutto quelle che si autogovernano in maniera virtuosa, o se il modello vincente, da estendere e applicare all’intero Paese, è quello della spesa allegra e che se ne frega delle regole», conclude piccato il coordinatore bellunese di Forza Italia.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su