Patto d’amicizia tra Soverzene e Cocal do Sul: uniti dal passato per guardare al futuro

Patto d’amicizia tra Soverzene e Cocal do Sul: uniti dal passato per guardare al futuro

 

Così lontani, così vicini: venerdì 14 febbraio verrà ufficializzato il patto di amicizia tra il Comune di Soverzene e il Comune brasiliano di Cocal do Sul. Proprio nello Stato di Santa Catarina si sono stabilite, alla fine del 1800, alcune famiglie del Longaronese. E in particolare di Soverzene: non a caso, sono molto noti cognomi come Burigo, Savi, Tramontin e Bortoluzzi.

La delegazione brasiliana sarà composta da 16 persone e guidata dal sindaco Ademir Magagnin, dal direttore della Cultura e del Turismo Juarez Fogaca e dal presidente del Circolo italiano, José Orlei Sartor. Giovedì 13, invece, è prevista una cena a base di prodotti tipici offerta dai volontari, alla quale seguirà una rappresentazione teatrale proposta dal gruppo storico locale dei “Farsaioli”. E il giorno seguente, oltre alla formalizzazione del patto, spazio alla visita del paese e della centrale idroelettrica “Gaggia” di Enel Green Power, non prima però di aver ammirato il mulino dei Savi, costruito alla fine del ‘700 e restaurato con maestria circa trent’anni fa dall’Enel. Al calar della sera, dopo la messa officiata nella chiesa dedicata al martire San Lorenzo, è in programma una cena conviviale alla quale è invitata la popolazione che tanto si è prodigata per regalare un caloroso benvenuto agli ospiti. Il coro Monte Dolada allieterà la serata.

«Lo scopo principale dell’incontro a Soverzene sarà quello di far conoscere la nostra realtà che tanto ha contribuito in termini di risorse umane alla crescita culturale ed economica delle comunità in Brasile e conoscere le persone che rappresentano l’italianità in quel lontano Paese. Ad agosto, infatti, una nostra delegazione assieme ai rappresentanti dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, contraccambierà la visita a Cocal do Sul e farà anche visita ad alcune comunità italiane limitrofe al comune South Cocalense. Ci auguriamo che, dopo questi incontri, possano essere intrapresi e sviluppati contatti a beneficio di un avvicinamento reciproco per rinsaldare i legami storici e le origini familiari, a tutto beneficio delle future generazioni».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su