Non piove da oltre un mese: vietato accendere fuochi all’aperto

Non piove da oltre un mese: vietato accendere fuochi all’aperto

Fuochi vietati: c’è pericolo di incendi. Qualche giorno fa è arrivata una nota della Regione Veneto piuttosto esplicita. A ruota sono seguite le ordinanze di diversi Comuni del Bellunese (a cominciare da Santa Giustina e Cesiomaggiore). Nei prossimi giorni, anche altri sindaci si aggiungeranno nel vietare fuochi all’aperto e falò. 

È inevitabile: meglio prevenire, visti i prati e boschi riarsi dalla siccità. Le previsioni davano pioggia. Debole o debolissima. Invece non si è vista neanche una goccia e per trovare l’acqua bisogna andare indietro di almeno un mese. Le ultime precipitazioni degne di tale nome risalgono al 19-20-21 dicembre. Poi più niente. E la pioggia precedente era stata quella dell’allerta meteo di metà novembre. 

Gli effetti della siccità si sono già visti nella facilità con cui si è sviluppato l’incendio di Podenzoi, giusto una settimana fa. Se non pioverà, potrebbero vedersi anche nella rete idrica (del resto, il Bellunese non è nuovo a episodi di perdurante siccità invernale). Le previsioni a medio raggio parlano di qualche goccia per martedì 28 gennaio. Resta da capire l’entità delle precipitazioni. Intanto, niente fuochi all’aperto, vietato bruciare sterpaglie e ovviamente gettare mozziconi di sigarette.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su