Mancano i dipendenti nei Comuni: l’analisi della Cgil

Mancano i dipendenti nei Comuni: l’analisi della Cgil

Spopolamento totale: anche gli uffici comunali risultano sguarniti. Lo dice la Cgil di Belluno, che ha analizzato i dati del conto economico della Ragioneria dello Stato. A oggi, secondo quanto dicono dal sindacato, mancherebbero all’appello oltre 500 dipendenti. Perché la differenza tra pensionati e nuovi assunti è fortemente negativa.

IL DATO

Nell’analisi della Cgil il numero con il segno meno davanti è 506: tanti i posti comunali persi per strada nel giro di dieci anni. Il conto è presto fatto. Nel 2007 i cessati sono stati 112, mentre gli assunti solo 96; tradotto, -16. Nel 2008, 131 assunti a fronte di 141 cessati (-10). Nel 2009, 56 assunti e 89 cessati (-33). La forbice sembrava ridursi nel 2010, con 91 nuovi assunti a fronte di 99 pensionati (-8). In realtà era solo l’inizio della discesa nel baratro: -35 nel 2011 e nel 2012; -28 nel 2013; -20 nel 2014. Poi, -120 nel 2015 (con 27 assunti e 147 cessati), -172 nel 2016 (98 assunti e addirittura 270 cessati) e -29 nel 2017.

LA RICHIESTA

Ovviamente, di fronte ai numeri c’è solo una cosa da fare: recuperare il terreno perduto. È la richiesta della Cgil. Anche perché a fronte della crisi sono stati i Comuni a costituire il primo baluardo di servizi. Già, ma come fanno le strutture municipali senza personale? Per questo servono rinforzi, dicono i sindacalisti.

IL COMMENTO DEL SINDACO

Tutto bene. Ma ritorna il vecchio refrain del dipendente pubblico. 

«Siamo pienamente d’accordo con la necessità, segnalata dal sindacato della Funzione Pubblica della Cgil Belluno, di nuove assunzioni nei Comuni per tamponare i tagli subiti negli ultimi anni, ma allo stesso tempo va data la possibilità di cacciare dalle amministrazioni i fannulloni, che peggiorano i servizi ai cittadini e inguaiano i colleghi meritevoli». Luca De Carlo, deputato di Fratelli d’Italia e sindaco di Calalzo, non usa giri di parole. Sottolinea la necessità di rimpinguare le fila del personale dei Comuni, ma chiede anche «una riforma seria che premi i dipendenti meritevoli e dia la possibilità di allontanare i fannulloni».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su