Liturgia, gospel, ospiti d’eccezione e giovani: il Coro Antica Eco emoziona

Liturgia, gospel, ospiti d’eccezione e giovani: il Coro Antica Eco emoziona

 

Giunta alla ventesima edizione, la rassegna musicale legata al Concerto di San Valentino ha presentato un volto inedito: nuovi canti per un repertorio liturgico, intrecciati a melodie antiche e Gospel. A Puos, anche stavolta il Coro Antica Eco, diretto dal maestro Alessio Lavina, è riuscito a incantare. Ed emozionare. 

La novità più apprezzata? La partecipazione di giovani musicisti quattordicenni che hanno eseguito brani con strumenti a fiato: ovvero Gli Indefinity, una formazione nata appena l’anno scorso, già attiva nella banda giovanile locale (Aaron al clarinetto, Giacomo al sax contralto, Giulia al flauto traverso, Lorenzo al sax tenore, Riccardo al trombone, Sabrina alla tromba). 

Ospiti d’eccezione e molto apprezzati il duo baritono e pianoforte: Luca Pivetta di Feltre e Celeste Levis, fondatore di Arte Nuova, un centro per la divulgazione della pratica strumentale in provincia di Belluno. 

Soddisfatto il presidente del Coro Stefano De Bona, che ha ringraziato tutti i fedeli coristi, la presentatrice Stefania Canei e il maestro Alessio per la tenacia e la passione con cui si dedica all’attività di insegnamento e all’accompagnamento anche dei più piccoli. Il parroco don Christian Mosca, infine, ha evidenziato la bellezza di un tempo dedicato all’ascolto della musica e del canto, che interiormente eleva e pacifica. 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su