Il Comune ha deliberato: il milite ignoto è cittadino onorario

Il Comune ha deliberato: il milite ignoto è cittadino onorario

Tutti lo riconoscono all’altare della patria, al Vittoriano. Ma adesso il milite ignoto è di casa anche a Limana. Il Comune della Sinistra Piave lo ha nominato cittadino onorario. 

Non è una boutade. Semplicemente il progetto “Milite Ignoto, Cittadino d’Italia” lanciato dall’Anci, l’associazione dei Comuni italiani. In poche parole, è la commemorazione del centenario della traslazione del milite ignoto nel sacello dell’altare della patria (avvenuta nel 1921). E Limana, nel progetto Anci, ha già fatto la sua parte. Con la cittadinanza onoraria.

Ma le iniziative non finiscono qui. Nei prossimi mesi Limana organizzerà qualche evento, in avvicinamento al 4 novembre, quando sarà celebrato il centenario della traslazione e della solenne tumulazione del milite ignoto al Vittoriano. «Ed è auspicabile che a quel valoroso soldato, inizialmente voluto come “di nessuno” e poi subito percepito come “di tutti”, possa oggi essere orgogliosamente attribuita la “filiale” appartenenza a ogni Comune d’Italia» fa sapere la giunta limanese. 

LA STORIA DEL MILITE IGNOTO

Il 4 agosto 1921, all’unanimità e senza dibattito, il Parlamento approvò la legge sulla “Sepoltura della salma di un soldato ignoto”. Una speciale Commissione di decorati di medaglia d’oro al valor militare, ufficiali, sottufficiali, graduati e militari di truppa, individuò i resti di undici soldati non identificati dai principali campi di battaglia della Grande Guerra: le undici bare furono raccolte nella Basilica di Aquileia, dove il 28 ottobre Maria Bergamas, madre di Antonio, caduto e disperso, scelse per tutte le italiane il simbolo di un intero popolo. La bara giunse a Roma su uno speciale convoglio ferroviario il 2 novembre, dopo avere toccato città e paesi d’Italia e avere ricevuto il silente omaggio di tutti, senza distinzione di credo, religioso o politico. Il 4 novembre, dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri il feretro fu scortato all’altare della patria.

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su