Il Codivilla si rifà il look, ortopedia trasloca a Pieve di Cadore

Il Codivilla si rifà il look, ortopedia trasloca a Pieve di Cadore

Mentre l’ospedale Codivilla – Putti di Cortina si rifà il look in vista dei Mondiali e delle Olimpiadi, si trasferisce a Pieve di Cadore il reparto di ortopedia. Scelta necessaria per garantire la prosecuzione del servizio durante i lavori di ammodernamento della struttura dallo scorso settembre in gestione a Gvm Cortina Srl. Il bando per la gestione dell’ospedale di Cortina prevedeva, oltre ai servizi sanitari, anche i necessari lavori di ristrutturazione e completamento della struttura. Per consentire la realizzazione dei lavori di ristrutturazione del Padiglione Codivilla, senza sospendere l’erogazione dei servizi, alcune attività sono state avviate al Padiglione Putti con 18 posti letto di degenza, ambulatori di specialistica e il Punto di Primo Intervento, con 4 posti letto di Osservazione Breve e Intensiva. Ma gli spazi del Putti non consentono di far fronte alle richieste in ambito ortopedico – riabilitativo, visto che al momento non c’è una sala operatoria utilizzabile. Ma in piena stagione turistica non sarebbe stato nemmeno possibile interrompere l’attività. Ecco quindi la soluzione tampone. L’Ulss 1 Dolomiti ha concesso temporaneamente a Gvm alcuni locali dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Pieve di Cadore, dove ci sono spazi e attrezzature in grado di sopperire alle necessità. Ieri la stipula dell’accordo integrativo del contratto di concessione (fino al 31 dicembre 2021, il tempo previsto per la ristrutturazione del Codivilla) degli per l’attività di Ortopedia/traumatologia sia ambulatoriale che di degenza con 10 posti letto, eventualmente estendibili, e l’assegnazione di una sala operatoria dedicata. In cambio Gvm pagherà all’azienda sanitaria un canone annuo di 68 mila euro, oltre ad accollarsi interamente i costi di attrezzaggio e personale, che sarà gestito in autonomia. A carico di Gvm anche i costi di pulizie, lavanderia, mensa e gestione dei rifiuti.

«È prioritario lavorare in sinergia per poter avere al più presto un ospedale totalmente funzionante a Cortina», afferma il Direttore Generale dell’Ulss 1 Dolomiti Adriano Rasi Caldogno, «e l’ortopedia è specialità da garantire con continuità per i nostri assistiti della parte alta della provincia e per i numerosi turisti che scelgono le nostre montagne per le vacanze. Ringrazio il direttore della funzione ospedaliera, Raffaele Zanella, per il fattivo impegno dimostrato e sono certo che la ripresa dell’attività ortopedica da parte del Concessionario darà buoni risultati».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su