Guareschi e la magia del Natale: la narrazione diventa teatro

Guareschi e la magia del Natale: la narrazione diventa teatro

La storia di Albertino e della sua nonna; ma anche del cagnolino Flick, di una lucciola e del loro viaggio trasognante verso il campo di concentramento in cui è rinchiuso il padre del protagonista. Una narrazione semplice e allo stesso tempo toccante. È la “Favola di Natale” di Giovanni Guareschi, scritta nel dicembre 1944 e raccontata la prima volta la notte di Natale dello stesso anno nella sua baracca nel campo di prigionia.

Verrà raccontata di nuovo la sera dell’antivigilia (23 dicembre). Anzi, verrà messa in scena. Una versione teatrale con la regia di Erik Pizzali. Sarà il centro culturale di Santa Giustina a rivivere la magia di Guareschi, l’inventore tra gli altri di don Camillo e Peppone.

Nella rappresentazione, sarà possibile vedere i disegni originali che accompagnavano la favola. Appuntamento alle 20.30.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su