Bambini protagonisti del video della Cisl Scuola sulla tempesta Vaia

Bambini protagonisti del video della Cisl Scuola sulla tempesta Vaia

La scuola c’è. In ogni angolo d’Italia. Anche – e soprattutto – a Sottoguda, frazione di Rocca Pietore, dove esiste e resiste eroicamente un asilo con 14 bambini che hanno vissuto in prima persona, con le loro famiglie e le insegnanti, il dramma della tempesta Vaia. Quella scuola, con i suoi alunni dai 3 ai 6 anni, è stata protagonista di “Ho visto tre lampade rotte”, un cortometraggio realizzato da Giovanni Panozzo per la Cisl Scuola nell’ambito di “La scuola c’è. La scuola è”.

Questa mattina, 29 gennaio, i bambini protagonisti di quel toccante video e di alcune immagini, disegni e racconti scelti per animare il mese di gennaio del calendario Cisl Scuola del 2019, hanno ricevuto un dono prezioso dal sindacato, un pacco pieno di libri didattici che andranno ad arricchire la biblioteca scolastica; un segno di riconoscenza per la lezione di solidarietà data attraverso il sorriso e il racconto dei piccoli alunni. 

Il dono è stato consegnato oggi ai bambini, alle maestre e al personale Ata della scuola di Sottoguda, alla presenza del sindaco di Rocca Pietore Andrea De Bernardin, del segretario generale aggiunto della Cisl Scuola Belluno Treviso Lorella Benvegnù, e del segretario Rudy Roffarè.

«Per la Cisl Scuola territoriale – commenta Benvegnù – si tratta di una occasione importante per dimostrare solidarietà alla comunità di questi territori martoriati da Vaia. La scuola è un servizio fondamentale , ma anche il cuore pulsante della comunità, soprattutto in queste realtà così piccole».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su