Ponte nelle Alpi

 

Un percorso di formazione per baby sitter: gratuito, online. E promosso dal Comune di Ponte nelle Alpi: «L’iniziativa è pensata per offrire un servizio concreto alle famiglie che si trovano a gestire i propri bambini, in un momento in cui le scuole sono chiuse. E le attività estive ancora incerte».
Coordinato dalla Cooperativa La Esse, il progetto è finalizzato alla creazione di un elenco che accolga le disponibilità di candidati e candidate, in cerca di occupazione.

Insomma, un’opportunità per rispondere anche ai bisogni di conciliazione dei genitori, pronti a riprendere il lavoro dopo il periodo di stop forzato. E che potranno contare sul supporto di persone opportunamente formate.

Rivolto a un numero massimo di 20 partecipanti, il corso sarà strutturato in 8 incontri per un totale di 20 ore, attraverso la piattaforma Zoom. Oltre ad affrontare gli aspetti legati alla relazione educativa con bambini e bambine di diverse fasce di età, verrà approfondito il tema della sicurezza negli ambienti di lavoro domestici ai tempi del Covid-19, con i dispositivi e le norme da rispettare. E sarà affrontato pure il tema legato ai contratti per il lavoro in famiglia, il libretto famiglia e il bonus babysitter. 

Dal gioco allo sviluppo psicomotorio dei piccoli, dalla gestione dei compiti alla relazione con i preadolescenti, le lezioni si svilupperanno tra la fine di maggio e la metà di giugno dando ai partecipanti informazioni sulla situazione sanitaria ed educativo-didattica. 

Per iscriversi e far parte dell'elenco baby sitter (che verrà pubblicato all’interno del sito del Comune di Ponte), è necessario conoscere la lingua italiana ed essere maggiorenni. Le famiglie potranno poi gestire in maniera autonoma la selezione e le questioni di carattere contrattuale. 

Poiché il corso è a numero chiuso, all’iscrizione seguirà un colloquio per valutare l’idoneità del candidato.

 

niq multimedia s.r.l.s.

Via degli Agricoltori, 11
32100 BELLUNO

Codice Fiscale e Partita IVA: 01233140258

Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019