Super Ecobonus e dintorni: riapre lo “Sportello PubblichEnergie”

Super Ecobonus e dintorni: riapre lo “Sportello PubblichEnergie”

 

Il tema del risparmio energetico è diventato centrale nella quotidianità di un gran numero di persone. Anche a Ponte nelle Alpi. E così, dopo il forte interesse manifestato lo scorso anno dai cittadini, riapre lo “Sportello PubblichEnergie”. 

Per accedere al servizio, verranno promossi incontri individuali, su appuntamento. E pubblici: in presenza (negli spazi del Parco ex Casa Rossa) o in videoconferenza, nel rispetto delle normative anti-contagio. 

Due le date già in calendario, nelle quali lo sportello verrà ufficialmente attivato: venerdì 2 e 16 ottobre, tra le ore 14 e le 19. 

«Alla luce dell’ottimo riscontro da parte della popolazione – ha affermato l’assessore comunale alle Politiche ambientali, Pierluigi Dal Borgo, durante la conferenza stampa nella sede dell’Unione montana Bellunese – abbiamo deciso di promuovere anche quest’anno lo “Sportello PubblichEnergie”. L’intenzione è di proseguire con incontri formativi per stimolare la riflessione e alzare il livello di consapevolezza sulle tematiche del risparmio energetico e delle energie rinnovabili. In più, è bene mettere a fuoco le possibilità emerse grazie al Super Ecobonus 110%: tale provvedimento, varato dal Governo, potrebbe contribuire a migliorare il patrimonio edilizio e la qualità di vita nelle case». 

Il referente del progetto è Mauro Moretto: «Stiamo allestendo il calendario in funzione delle domande che arriveranno, ma l’interesse è già elevato». In questo senso, è possibile contattare l’Urp del Comune di Ponte nelle Alpi (0437-986724 e urp@pna.bl.it) o scrivere una mail all’indirizzo pubblichenergie@gmail.com. 

L’argomento principale, quasi superfluo evidenziarlo, è il bonus 110%: «È importante che il cittadino si informi adeguatamente prima di portare a termine le sue scelte – ha proseguito Moretto -. Perché è facile prevedere varie e allettanti offerte sul mercato, ma dettate dalla scarsa trasparenza. Non a caso, committente e beneficiario dell’incentivo dovranno recitare una parte attiva, mentre la pratica va seguita insieme a un tecnico di fiducia. O c’è il rischio di incorrere in spiacevoli sorprese. Vero che il bonus può dare un impulso rilevante dal punto di vista economico, ma serve attenzione». 

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su