Rinnovo del consiglio provinciale: al voto il 16 febbraio

Rinnovo del consiglio provinciale: al voto il 16 febbraio

Sindaci e consiglieri comunali chiamati a raccolta: a febbraio si vota per il rinnovo del consiglio provinciale. Domenica 16, per l’esattezza. Così ha deciso l’assemblea dei primi cittadini, riunita ieri a Palazzo Piloni per le incombenze di bilancio di fine anno.

Entro fine gennaio quindi dovranno pervenire i nominativi delle liste candidate. Chissà se ancora una volta ci sarà l’incrocio tra rappresentanza politica e necessità geografiche. Nelle ultime elezioni del consiglio è sempre stato così. Stavolta a complicare i giochi ci sono le regionali di maggio, che potrebbero aprire scenari un po’ diversi. E si fa strada anche il rinnovo della presidenza del Consorzio Bim Piave.

Il consiglio attualmente in carica scade a inizio anno. Era stato eletto nel gennaio 2018 e la legge Delrio prevede una durata di due anni (a differenza del presidente della Provincia, il cui mandato è valido quattro anni). Il diritto di voto, con l’ente di secondo livello, spetta esclusivamente a sindaci e consiglieri comunali in carica. A ogni voto corrisponde un punteggio, che varia a seconda del peso demografico dei singoli Comuni. Di fatto, il voto di un amministratore comunale di Belluno vale almeno 4-5 voti di Soverzene, Perarolo (o qualsiasi altro Comune di piccole dimensioni).

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su