Ponte sul Gresal: i lavori verso la conclusione, poi via alla ciclabile

Ponte sul Gresal: i lavori verso la conclusione, poi via alla ciclabile

 

Un ponte verso il futuro: è il ponte sul torrente Gresal. 

E, in questo senso, i lavori sono ormai vicini al traguardo. Come è emerso dal sopralluogo effettuato da parte dei tecnici e dell’assessore del Comune di Belluno, Franco Frison, oltre ai progettisti, rappresentanti della Sovrintendenza e dell’impresa.

«Una volta ultimato l’intervento – annuncia Frison – ci sarà spazio per la pista ciclabile destinata a unire i comuni di Belluno e Sedico». Il sopralluogo è stato l’occasione per tracciare il quadro della situazione: «I parapetti sono l’ultima infrastruttura mancante per mettere in completa sicurezza il ponte, mentre il confronto con la Sovrintendenza è stato importante per definire il tipo di intervento e la tipologia di parapetto che si dovrà realizzare, portando così a sintesi un’importante collaborazione avviata da tempo tra i due enti. E rafforzata da un confronto con il nuovo soprintendente Fabrizio Mangani».

In corso d’opera sono emersi degli aumenti di costo per imprevisti connessi ad aspetti strutturali e ad altre condizioni non preventivabili: «Ora dovremo quindi cercare risorse aggiuntive – circa 40, 50mila euro – dopodiché l’opera sarà completa». 

Il recupero del ponte è parte integrante della realizzazione della ciclovia Antole-Casoni, inserita nel Progetto Belluno, che prevede la realizzazione di circa 800 metri di pista ciclopedonale e il ripristino e messa in sicurezza dell’antico ponte. Il costo complessivo è di circa 600mila euro, dei quali 200mila coperti dal fondo del Bando Periferie e i restanti equamente divisi tra i Comuni di Belluno e di Sedico, Bim Infrastrutture e Bim Gsp. 

TAG
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su