Pallone dolomitico, l’avvio è a rilento: 4 punti conquistati su 30

Pallone dolomitico, l’avvio è a rilento: 4 punti conquistati su 30

Anno bisesto, anno funesto? Se queste sono le premesse, per il calcio bellunese, il timore è reale. Perché nella prima domenica del 2020, a ridosso della Befana, il pallone dolomitico ha trovato soltanto carbone all’interno della sua calza. Dalla Prima in categoria in su, il piatto piange: 10 partite, 8 sconfitte, una vittoria e un pareggio. Di conseguenza, 4 punti conquistati sui 30 a disposizione.

Partendo dalla serie D, il Belluno ha rimediato un passivo molto severo a Este (4-1) e solo la rete nel finale, messa a segno da Giovanni Madiotto, ha reso un po’ meno amara la pillola. Così come amaro si è rivelato l’epilogo della super sfida andata in scena allo Zugni Tauro, dove all’Union Feltre sarebbe andato stretto perfino il pareggio contro la capolista. E invece, in piano recupero, il Campodarsego ha trovato addirittura il guizzo per condurre in porto il bottino pieno, grazie a un colpo di testa di Leonarduzzi. Anche l’incornata di Nonni era vincente, ma l’abbaglio del guardalinee ha impedito ai verdegranata di portarsi in vantaggio. E, con ogni probabilità, di cambiare il copione del match. 

Altra categoria, stessa musica: in Eccellenza, il San Giorgio Sedico non è riuscito a evitare il terzo stop di fila. E, oltre ai tre punti, ha lasciato al Portogruaro la vetta momentanea della classifica. Semaforo rosso pure il Cavarzano, piegato a Trebaseleghe da due rigori, nel torneo di Promozione. Per le bellunesi, poca gloria anche in Prima categoria: gli unici sorrisi sono della neo capolista Limana (5-1 a Cison di Valmarino) e della Plavis Pizzocco, che ha fermato sul pareggio la corazzata Santalucia Susegana. Al tappeto, invece, sono finiti l’Alpago (0-3 nella tana del Barbisano), il Fiori Barp Mas (1-2 a Cornuda), il Borgo Valbelluna (0-1 a Refrontolo) e il Cadore (travolto con 7 gol dal San Martino Colle). 

Ricapitolando: 23 reti subite, 8 realizzate. E, senza la compagine limanese, sarebbero appena 3 in 180 minuti di gioco. Ma domenica prossima (sabato, invece, è in calendario il derby di serie D) è già tempo di riscatto. 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su