Si muove la frana di Caracoi: strada a rischio, interviene la Provincia

Si muove la frana di Caracoi: strada a rischio, interviene la Provincia

 

Intervento in somma urgenza in località Caracoi (Comune di Rocca Pietore): lo avvierà nei prossimi giorni la Provincia di Belluno.

L’operazione, preceduta nelle ultime settimane da indagini geologiche e sopralluoghi tecnici, è funzionale a mettere in sicurezza il versante che sovrasta la strada comunale di collegamento tra Le Grazie e Caracoi Agoin (in prossimità della diramazione che conduce alla località di Bramezze).

Dopo gli eventi meteo di novembre, infatti, la scarpata già fragile ha mostrato diversi segni di cedimento. E, secondo la perizia geologica, tutta l’area soprastante la strada comunale è soggetta a franamenti che potrebbero scivolare sul piano viario.

Entrando nel dettaglio, i lavori riguardano la rimozione delle ceppaie e la pulizia del versante, con riprofilatura della scarpata. A quel punto si passerà alla realizzazione di canalette di scolo delle acque meteoriche, in modo da togliere una delle cause di dissesto. Infine, verranno installate delle reti sul terreno. 

«Ancora una volta il settore della Difesa del Suolo della Provincia è stato in grado di predisporre una somma urgenza, a servizio del territorio – commenta il consigliere provinciale delegato, Massimo Bortoluzzi -. L’operazione di Caracoi va nella direzione tracciata più volte di intervenire a tutela della popolazione e per la sicurezza della viabilità, soprattutto in quelle cosiddette terre alte che altrimenti rischiano più di altre di rimanere sguarnite». 

Il costo complessivo dell’intervento è di circa 150mila euro.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su