Natale da boom: il Comune sta già lavorando alla prossima edizione dei mercatini

Natale da boom: il Comune sta già lavorando alla prossima edizione dei mercatini

Natale va in archivio alla voce “grandi successi”. A Belluno le luminarie sono spente, ma la soddisfazione di Palazzo Rosso rimane accesa. Perché dalla collaborazione con il Consorzio Centro Storico è nata una nuova modalità per attrarre turisti. 

«Abbiamo riscontrato ottimi risultati sia in termini di visibilità che di afflusso di visitatori – commenta l’assessore al turismo, Yuki D’Emilia –. Questa collaborazione ha colpito nel segno, tanto che già stiamo lavorando per l’edizione 2020».

Per il prossimo Natale delle Dolomiti, c’è già una certezza: i mercatini potranno contare sulle nuove casette, che saranno acquistate dal Comune di Belluno grazie al bando del Distretto del commercio: «In questa maniera, con le strutture di nostra proprietà, si potranno liberare risorse per altre iniziative», anticipa D’Emilia, che ricorda come per questa edizione il Comune abbia investito oltre 70mila euro.

Per quanto riguarda questa edizione, invece, in attesa dei dati ufficiali, si sono evidenziati segnali importanti in queste settimane. «Basti pensare al tutto esaurito che ha fatto registrare il parcheggio di Lambioi in occasione del weekend della maxi-luna di Luke Jerram – sottolinea l’assessore –. O l’impossibilità di trovare posti per dormire a Capodanno in città su uno dei principali portali turistici del mondo, Booking.com. Vedremo i dati validati dalla Regione, che arriveranno in estate, ma queste situazioni ci danno già l’impressione di un afflusso decisamente importante di visitatori in centro città».

Passata l’Epifania, intanto, sono incominciati i lavori per portare la città fuori dal clima natalizio: mentre la pista di pattinaggio resterà attiva in Piazza Duomo fino al 26 gennaio, nei giorni scorsi sono state rimosse le casette dei mercatini. Prossimamente, il Consorzio Belluno Centro Storico effettuerà anche la rimozione della pedana sulla quale poggiavano e provvederà al ripristino dell’area; per vedere ricrescere naturalmente l’erba del prato nelle aree ora coperte dalla struttura sarà poi sufficiente attendere l’arrivo della bella stagione.

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su