Morto il dottor Michele De Boni: la sanità bellunese perde una colonna portante

Morto il dottor Michele De Boni: la sanità bellunese perde una colonna portante

Feltre piange la scomparsa di Michele De Boni, medico e primario di gastroenterologia dell’ospedale Santa Maria del Prato. La provincia intera perde uno stimato professionista e una persona buona.

De Boni, classe 1952, dopo la laurea in medicina all’Università Padova nel 1979, si è specializzato in gastroenterologia e endoscopia digestiva nel 1985. Ha cominciato come medico nella sua città, all’ospedale di Feltre, per poi diventare responsabile della gastroenterologia nel 1995. Ma ha continuato anche nella strada della ricerca, tanto di essere stimato nel panorama nazionale.

La notizia della sua morte è arrivata in mattinata. E subito si è mosso il cordoglio unanime di chi ha potuto conoscere e apprezzare il noto medico.

«A nome personale, dell’amministrazione e di tutto il consiglio comunale mi stringo nel cordoglio alla moglie e ai figli di Michele De Boni – il messaggio del sindaco di Feltre, Paolo Perenzin -. Michele, ancora prima che un validissimo medico e uno stimato professionista, è stato un amico e un’istituzione di Feltre. Sempre attento alle esigenze del territorio e dei suoi abitanti, propositivo, curioso e innovativo, Michele De Boni ha saputo mettersi al servizio della nostra comunità in molteplici ambiti e in diversi ruoli, tanto da meritare, nel 2013, il premio “San Vittore” di Famiglia Feltrina. Nella Cura della Persona è riuscito come pochi altri a integrare l’ambito sanitario con quello del Terzo Settore; non a caso è stato – tra l’altro – socio fondatore e presidente dell’associazione “Il Filo di Arianna” e attivo sostenitore di “Mano Amica”». 

«Certo di interpretare anche il sentimento dei colleghi, quale presidente del Comitato dei sindaci del Distretto di Feltre dell’Ulss 1 “Dolomiti” – continua Perenzin – non posso non sottolineare la sua caparbia professionalità e la tenacia che, unite a una straordinaria vocazione alla ricerca medica e all’innovazione, hanno contribuito a fare del reparto di Gastroenterologia dell’ospedale Santa Maria del Prato un modello di avanguardia, non solo a livello regionale e nazionale, e a dare alla sanità feltrina un ruolo di rete di assoluto rilievo. Il dolore che ci unisce ai familiari di Michele De Boni in questo momento è pari solo alla riconoscenza che tutti abbiamo per lui e per l’eredità umana e professionale che lascia alla sua città e a tutto il nostro territorio».

Al cordoglio si uniscono anche il deputato feltrino Dario Bond e il governatore del Veneto Luca Zaia.

«Per me Michele De Boni non è stato solo un grande medico, un primario illuminato, uno che ha portato la gastroenterologia di Feltre a livelli internazionali, ma un grande amico – dice Bond -. Lo ricorderò sempre nel profondo del mio cuore. Un pensiero alla famiglia, alla moglie, ai figli, persone davvero speciali che anche nel momento della malattia hanno accolto tutti e sorriso a tutti».

«La sanità bellunese, veneta e nazionale perde prematuramente un medico che affiancava grandi doti professionali a una grande umanità – il cordoglio di Zaia -. Il primo pensiero va alla moglie e ai figli, ai quali rivolgo le mie condoglianze».

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su