Legalità e sicurezza, soddisfacenti gli incontri nelle scuole

Legalità e sicurezza, soddisfacenti gli incontri nelle scuole

Dialogo, non repressione. Consapevolezza e conoscenza. E uno stile pratico e improntato all’interazione. Sono le parole d’ordine degli incontri nelle scuole a tema legalità, organizzati dal Comune di Belluno con la collaborazione delle forze dell’ordine e andati in scena in queste settimane. Circa 200 gli studenti incontrati, dai 14 ai 19 anni, di Itis Segato, Catullo, Liceo Da Vinci e Renier. Con loro si è parlato di  tante cose: bullismo e cyberbullismo, droghe, utilizzo consapevole dei social network. 

Attenti e curiosi, i ragazzi. Un’esperienza da rifare, secondo l’assessore alla sicurezza di Belluno, Raffaele Addamiano: 

Incontri formulati non in ottica repressiva ma informativa. Un modo per accrescere la consapevolezza dei giovani verso comportamenti a volte ingenui ma che rischiano di avere conseguenze pesanti. E la risposta è stata più che sodisfacente, come spiega il comandante provinciale dei carabinieri, Enrico Pigozzo:

Molte le domande e i casi, anche personali, portati alla conoscenza di poliziotti, carabinieri e finanziari. Su tutti, uno spazio particolare lo hanno avuto i social network: «Non c’è ancora una piena consapevolezza della profondità che possono avere questi strumenti – spiega Pigozzo – e nemmeno una piena coscienza dei pericoli che si celano spesso quello che può apparire un semplice profilo social». 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
News In Quota
Torna in alto