Giornata della colletta alimentare: impegnati mille volontari

Giornata della colletta alimentare: impegnati mille volontari

Tutto è ormai pronto per la Giornata nazionale della colletta alimentare, in programma sabato 26. E anche la provincia di provincia di Belluno risponde presente con un migliaio di volontari attivi in 120 punti vendita, la guida degli automezzi e la gestione logistica del magazzino provvisorio di Santa Giustina.

L’iniziativa è pensata per persone in difficoltà e che provengono dai più diversi ceti sociali: anziani, giovani coppie, famiglie con più figli, genitori separati, tutti accomunati dalla difficoltà di arrivare alla fine del mese e che con il gesto del pacco di alimenti possono risollevarsi da questo affanno. «Persone che diventano occasione di incontro per i nostri volontari – spiega Giuseppe Torrente, referente del Banco Alimentare per il Bellunese – perché il gesto del pacco arricchisce non solo chi lo riceve, ma anche chi lo effettua».

Gli alimenti che vengono richiesti sono tutti a lunga conservazione: «In particolare verdura, carne e tonno in scatola, polpa e passata di pomodoro, olio, alimenti per l’infanzia. I prodotti raccolti verranno divisi in cartoni omogenei e inviati nella sede di Pasina di Prato (Udine). Poi, da lì, mensilmente e a integrazione di altre forniture, saranno affidati alle associazioni caritative per la distribuzione diretta»

Il lavoro del Banco Alimentare non si esaurisce di certo con la Giornata nazionale: «Durante l’anno siamo impegnati nella gestione delle forniture che provengono dalla Comunità europea e dalle donazioni della grande distribuzione. Senza considerare progetti come il SitiCibo, che mira al recupero di alimenti prossimi alla scadenza commerciale, ma ancora buoni da consumare».

Da quest’anno parteciperanno pure le sezioni provinciali del Lions Club: «Con loro anche un gruppo di studenti stranieri, legato al programma “Together against Food Waste” del corpo europeo di solidarietà del Comitato d’intesa, e una classe quarta dell’Istituto Catullo nell’ambito di un progetto di alternanza scuola/lavoro, oltre alle varie associazioni». 

Oltre a partecipare con una donazione di alimenti, è possibile contribuire alla causa registrandosi al sito “colletta.bancoalimentare.it – diventa volontario specificando i propri dati, contatti e la disponibilità di luogo e orario. 

Foto di Leonora Giovannacci, tratta dalla pagina Facebook del Banco Alimentare

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su