Colorato, ecologico e sostenibile: è “green” il Carnevale dell’Altopiano

Colorato, ecologico e sostenibile: è “green” il Carnevale dell’Altopiano

 

Tambre, Spert, Valdenogher, Cansiglio: quattro coriandoli per una grande festa. Quella legata al Carnevale dell’Altopiano, in programma in piazza a Tambre domenica 23 febbraio. L’edizione di quest’anno è speciale: non solo perché si tratta della numero 25, ma anche perché sarà ecologica e sostenibile.

Come conferma il presidente della locale Pro Loco, Matteo Bona: «In termini organizzativi, si è pensato di partire da una maggiore attenzione all’ambiente. Per questo invitiamo bambini, genitori e insegnanti a sbizzarrirsi nel pensare a un Carnevale ecologico: dai costumi con materiali semplici, naturali, riciclati o riciclabili, al limitato uso della plastica negli accessori, fino ai coriandoli e alle stelle filanti fatte in casa, passando per i “fantaveicoli” non a motore per il trasporto. In generale, sarà un’edizione il più possibile “plastic free”».

In cabina di regia, la Pro Loco di Tambre verrà affiancata dagli operatori locali e dall’Ascom, mentre l’iniziativa si svolge con la collaborazione dell’associazione Fare Verde: «Per rendere ancor più forte il messaggio di tutela all’ambiente – prosegue Bona – invitiamo tutti i bambini e i ragazzi a realizzare un disegno, o un altro elaborato con tecnica libera, sul tema “Il mio Carnevale ecologico”. I disegni contribuiranno ad abbellire la piazza». 

Non mancheranno, infine, giochi e intrattenimenti, così come i dolci, preparati dalle mamme. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il 339.2050359. 

© Copyright – I testi pubblicati dalla redazione su newsinquota.it, ove non indicato diversamente, sono di proprietà della redazione del giornale e non è consentita in alcun modo la ripubblicazione e ridistribuzione se non autorizzata dal Direttore Responsabile.

TAG
CONDIVIDI
Articoli correlati
© 2021 NIQ Multimedia s.r.l.s. – C.F. e P.IVA: 01233140258
Testata registrata al Tribunale di Belluno n.4/2019
Made by Larin
Torna su